No Interview – Zanne Festival: Nicola Compagnini ci presenta la prossima edizione

Come vi abbiamo anticipato nei giorni scorsi, Zanne Festival sta tornando con tantissime novità. La prima delle quali è il cambio di location, con il trasferimento sui Monti Rossi di Nicolosi (CT), nella splendida cornice del vulcano Etna. L’appuntamento è fissato per il 21, 22 e 23 luglio 2017, giorni in cui saliranno sul palco ospiti del calibro di AIR, Einstürzende Neubauten, Soulwax, of Montreal, Fujiya & Miyagi, Fufanu, The Limiñanas, Ulrika Spacek, The Mystery Lights, H.Grimace.

Abbiamo incontrato il fondatore di Zanne, Nicola Compagnini, per scoprire insieme a lui tutte le novità sul festival più internazionale della Sicilia orientale.

Zanne Festival torna dopo un anno di stop. Quali ragioni vi hanno portato a concedervi questa pausa?

Lo stop è stato dettato da esigenze di natura logistica, prima di tutto. L’impatto dei 5000 spettatori arrivati per assistere al live dei FFS nel 2015 è stato evidente e ha fatto emergere delle difficoltà riguardanti la gestione di un pubblico così ampio all’interno del Parco Gioeni di Catania. Gli accessi e gli spazi dell’area live iniziavano a starci un po’ stretti!

Cambia anche la location del Festival, dal centro di Catania a uno dei luoghi più suggestivi dell’Etna. Come mai questa scelta?

Dopo aver compreso – a malincuore – che il Parco Gioeni non soddisfaceva le necessità di un evento in fortissima crescita, abbiamo iniziato a guardarci attorno e andare alla ricerca della location giusta che potesse accontentare noi ma soprattutto i fruitori del festival. In realtà spesso ci guardiamo attorno senza far caso alle cose più grandi che abbiamo davanti: abbiamo pensato che viviamo sul vulcano più alto d’Europa, che da anni è ormai patrimonio dell’umanità UNESCO… era giunto il tempo di tuffarci veramente in “Rock, Arts & Nature” che, come sai, è da sempre è il motto di Zanne sin dalla primissima edizione.

Quali sono gli ostacoli maggiori che si incontrano nell’organizzare un Festival di tale portata in Sicilia?

Gli ostacoli in realtà sembrano migliorare di volta in volta.
Sicuramente qualcosa sta cambiando anche nell’inserimento della Sicilia all’interno dei circuiti e dei tour degli artisti internazionali.
Ora che siamo giunti alla quarta edizione e siamo molto più rodati, possiamo dire che, con ogni probabilità, le difficoltà sono identiche a quelle che si presentano nell’organizzazione di qualsiasi festival, ovunque nel mondo!
Scadenze, questioni logistiche da risolvere in tempi brevi, evoluzione continua degli eventi… Siamo tutti sulla stessa barca e solo l’esperienza rende tutto più gestibile.

Di anno in anno possiamo vantare sempre più manifestazioni musicali sull’isola. Pensi che si stia finalmente diffondendo la cultura dei festival in Sicilia?

Sì, è evidente che anche in questo caso le acque si siano mosse parecchio. Negli ultimi anni abbiamo assistito alla nascita di moltissimi festival e altrettante rassegne. L’Indiegeno Fest di Patti e il Mish Mash di Milazzo, per dirne due, sono stati tra i primi a ripartire con format festivalieri piccolini, ma che godono di ottima crescita e seguito di pubblico. Gli auguriamo il meglio!

AIR, Einstürzende Neubauten, Soulwax, of Montreal e tantissimi nomi illustri del panorama musicale internazionale, saranno i protagonisti di questa edizione. Quale di questi nomi non vi sareste mai aspettati di vedere sul vostro palco e quindi rappresenta per voi la sorpresa più grande di questa edizione?

Avere gli Einstürzende Neubauten è una grandissima soddisfazione per noi. Sappiamo cosa hanno fatto storicamente, cosa continuano a fare e siamo consci di cosa significa assistere ad un loro concerto. Sentirli suonare sopra al vulcano sarà da pelle d’oca… Gli AIR sono tra i nostri artisti di musica elettronica preferiti, oltre ad essere una band mondiale che può vantare uno stuolo di aficionados appassionatissimi da 20 anni. I Soulwax sono una band molto amata all’interno dell’organizzazione e il loro live sarà veramente incredibile, con diversi batteristi a fare da cornice a un armamentario di synth da fantascienza. In realtà tutti gli artisti in line-up sono una sorpresa… e motivo di orgoglio. Difficilissimo sceglierne uno in particolare!

In base a quali criteri verranno strutturate le scalette delle tre serate?

Un po’ per affinità musicale delle band, come il secondo giorno (con Fujiya & Miyagi prima degli AIR, per atmosfere elettroniche di classe) o il terzo giorno che ha energia a volontà con Ulrika Spacek e The Mystery Lights ad aprire le danze prima dei Soulwax e dei ritmi dei loro 3 batteristi. La prima sera è invece quella più varia: gli Einstürzende sono una band megalitica… il bello dei festival è che non è necessario mantenere una sola linea sonora ed estetica per l’intera serata. Per questo of Montreal, Fufanu ed H.Grimace faranno variare atmosfere e sound per prepararci al live di Bargeld e soci.

L’ultima volta che ci siamo incontrati mi dicevi che avresti voluto portare un rappresentante dell’indie/alternative italiano sul vostro palco, magari un cantautore siciliano. Cosa ti ha portato poi a cambiare idea?

In realtà i nomi italiani erano stati presi in considerazione stavolta.
Quindi nessun cambiamento di idee, solo tempi molto stretti e tour già organizzati prima dell’annuncio ufficiale del ritorno di Zanne! Ci rifaremo su questo fronte, ne siamo convintissimi.

 

Parlami della location e di Zanne Camping. Il festival è anche una bella occasione per scoprire i paesaggi incantati del nostro vulcano…

Zanne Camping era molto atteso. Sognavamo di organizzarlo da sempre. Quest’anno la location si prestava particolarmente, grazie alla pineta che circonda l’area palco. Il camping si trova a qualche decina di metri dallo stage, al quale si potrà accedere con un ingresso riservato. Non sarà il classico campeggio da festival selvaggio à la Glastonbury: si trova infatti all’interno di una struttura turistica preesistente, dotata di servizi e di piscina. Certo, l’idea, come dici tu, è di poterlo usare come base per esplorare l’Etna e l’area di Nicolosi al mattino (anche grazie alle escursioni e alle attività a cui è possibile prenotarsi su zannefestival.com/activities) e per godersi i live senza fare file e accedendo direttamente dalla propria piazzola, quando si desidera!

Siete sempre attenti alle novità e anche quest’anno avete lanciato il contest Nuove Zanne, con una bellissima sorpresa per i partecipanti. Ce ne parli?

Dopo l’esperimento della scorsa edizione con una finale a 3 (che ha poi portato i Wow! Signal ad aprire il live di Franz Ferdinand & Sparks) è nata improvvisamente l’idea di rifarsi al passato, all’epoca d’oro delle musicassette e dei tribute.
Quest’anno saranno 10 le band finaliste: il primo classificato suonerà prima di Mystery Lights, Ulrika Spacek e Soulwax e insieme agli altri 9 farà parte di una compilation che renderà omaggio agli artisti in line-up con un brano riarrangiato per l’occasione. Ovviamente la compilation sarà davvero pubblicata su musicassette, 123 copie, per la precisione. Un’edizione limitata che diventa un vero souvenir di questa edizione di Zanne.

Avete anche pensato a un servizio navetta per raggiungere il festival. Chi potrà usufruirne?

Le navette partiranno da Catania e, passando per diversi punti nevralgici della Città e del suo hinterland, raggiungeranno l’ingresso della pineta Monti Rossi.
Potrà usufruirne gratuitamente chiunque abbia un abbonamento.
Chi invece è in possesso di singoli day ticket potrà acquistare dei biglietti giornalieri a/r. Sottolineiamo che in entrambi i casi la prenotazione online è obbligatoria su zanneshuttlebus.eventbrite.it, quindi invitiamo tutti a non farsi trovare impreparati!

Prima di salutarci, dammi tre buone ragioni per non mancare a Zanne Festival.

Perché Zanne è uno dei pochi eventi al mondo a svolgersi su un vulcano, perché l’occasione di vedere certe band nel sud Italia è ghiotta, perché dopo un anno di pausa siamo tornati per voi e vi aspettiamo tantissimo, a braccia aperte, da bravi siciliani.

Intervista a cura di Egle Taccia

Abbonamenti e biglietti singoli disponibili in prevendita presso:
Zanne Festival on Eventbrite – zannefestival2017.eventbrite.it
Circuito Box Office Sicilia – tel. 095.7225340 – www.ctbox.itwww.boxol.it
TicketOne – tel. 892.101
Festicket – www.festicket.com

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia

Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag, scrive per Qube Music e Lamusicarock e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d’Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!