No New – SesèMamà: Raffinatezza e bella energia

Brunella Selo, Elisabetta Serio, Annalisa Madonna e Fabiana Martone, quattro artiste napoletane, tutte provenienti da percorsi singoli già affermati, e la curiosità di esplorare suoni e culture diverse. Nascono così le SesèMamà e nasce così il loro primo omonimo disco.

Ascoltando il disco mi vengono in mente tre parole: libertà, curiosità e passione. Vi ci ritrovate?

Sicuramente ci ritroviamo in una visione di passionalità, curiosità e bisogno di libertà, nella vita come nella musica.

Sono tre aspetti strettamente collegati tra loro che, oltre a caratterizzare molto spesso il mondo femminile, indicano tutti un amore profondo per la vita e per questo difficile mestiere che è fare musica.

Come ha preso forma questo vostro primo lavoro?

Il gruppo è nato con la voglia di studiare e di sperimentare la combinazione delle nostre tre differenti vocalità, e di integrare il pianoforte considerandolo come una quarta voce. Siamo partite da territori musicali comuni a tutte, come la musica popolare brasiliana, ma poi ben presto abbiamo cominciato a produrre proposte originali, o a recuperare magari vecchi brani lasciati in un cassetto, che hanno trovato nuova linfa vitale negli arrangiamenti vocali e strumentali curati da noi.

Vi siete avvalse anche di collaboratori importanti come Maria Pia De Vito. Come vi siete incontrate?

(risponde Brunella Selo) Maria Pia è una cara amica di vecchia data, siamo coetanee e spesso in questi anni ci siamo incrociate senza purtroppo mai avere la possibilità di cantare assieme. Quando con le SesèMamà e la produzione abbiamo cominciato a pensare alle varie collaborazioni esterne per il nostro disco mi è sembrato naturale suggerire lei per un solo nel nostro brano “ Afrika” e la proposta è stata accolta con gioia da tutti. Maria Pia è un’artista molto generosa, avere lei come guest è stato un grande onore per noi.

Prima di unirvi in questo progetto ognuna di voi aveva alle spalle già un percorso ben affermato. Cosa vi ha spinte verso una nuova corrente?

Forse in qualche modo c’entrano anche quelle tre parole che ti sono venute in mente ascoltando il disco: la passione, la curiosità, la libertà, e ancora la creatività, la voglia di misurarsi sempre in nuovi percorsi, mettendo da parte le singole individualità in nome di un progetto più ampio, di un suono comune che attraversi la musica in maniera trasversale, senza paradigmi preconfezionati, e avendo come unico obiettivo la voglia di esprimersi liberamente, con impegno ma allo stesso tempo con ironia e leggerezza.

Fare musica per voi è…?

Ci piace prendere a prestito una frase che diceva sempre uno dei più grandi poeti della musica brasiliana, Vinicius de Moraes: la vita, amico, è l’arte dell’incontro. Bene noi riteniamo che anche la musica lo sia, perché più di ogni altro linguaggio facilita la comunicazione e l’espressione dei propri sentimenti.

Domanda Nonsense: il luogo che riesce sempre a rimettervi in pace con il mondo?

Beh, probabilmente ognuno di noi ha il proprio luogo del cuore, chi si sente in pace davanti al mare, chi seduta accanto al fuoco a scrivere, chi in cucina davanti ad una bella parmigiana di melanzane…sicuramente insieme ci sentiamo in pace col mondo quando saliamo sul palco.

Intervista a cura di Cinzia Canali

Autore dell'articolo: Cinzia Canali

Cinzia Canali
Cinzia Canali nasce a Forlì nel 1984. Dopo gli studi, si appresta a svolgere qualunque tipo di lavoro, ama scrivere e ha la casa invasa dai libri. La musica è la sua passione più grande. Gira da sempre l'Italia per seguire più live possibili, la definisce la miglior cura contro qualsiasi problema.