No Report – Joe Victor a Torino: Che serata indi(e)avolata!

La musica dei Joe Victor è stata protagonista di uno scoppiettante venerdì sera torinese. 

Venerdì 27 ottobre ho avuto, infatti, il piacere di partecipare all’evento indi(e)avolato con protagonisti i Joe Victor. La location è lo storico Spazio 211,  locale torinese della scena musicale alternativa italiana ed internazionale, famoso anche per l’edizione estiva del TOdays Festival che si svolge nel parco adiacente nel mese di agosto e che ha portato in città artisti del calibro di PJ Harvey, Richard Ashcroft e Interpol, solo per citarne alcuni.

Ad aprire il concerto dell’unica data dei Joe Victor in Piemonte è stato Buzzy Lao, artista torinese che ha incantato il pubblico con le sue canzoni dalle sonorità prettamente blues che si sposano divinamente col cantautorato italiano. Un sound corposo e impreziosito dall’utilizzo dello slide su una fantastica Wei*sseborn, chitarra utilizzata dai più grandi alternative bluesman dei nostri tempi come Ben Harper. Nel sound di questo musicista spicca anche una certa influenza reggae che, durante il suo live, culmina con la cover di “No Woman No Cry”.  Con questa esibizione Buzzy Lao ci ha trasportati sulle rive del Missisipi per tutti i quarantacinque minuti del live, ci ha fatto sentire il tepore del sud e ci ha ricatapultati in mezzo alla nebbia. Ed è stato fantastico.

Ma i più attendevano impazienti di veder salire sul palco i romani Joe Victor, usciti da poco con un nuovo album intitolato “Night Mistakes”. L’atmosfera si accende sin dalle prime note di Bamboozled, il pubblico inizia a ballare e a elargire sorrisi, mentre il gruppo si presenta particolarmente affiatato, con tanta voglia di suonare divertendosi e una particolare predisposizione ad interagire con il pubblico, tant’è che Gabriele Mencacci Amalfitano, voce e chitarra del gruppo, scende dal palco in più di una occasione suonando tra i presenti. Le canzoni si susseguono in un incontro tra musica folk, rock e disco music che incuriosisce il pubblico. L’apice dell’esibizione lo si raggiunge con Love Me, la canzone che ha riscosso il maggior successo. La folla canta a squarciagola il pezzo in un clima festante. Lo spettacolo si conclude con il bis, i volti sudati, sfatti e decisamente estasiati dei partecipanti. I Joe Victor hanno raggiunto il loro obiettivo.

 

Autore dell'articolo: Cinzia Cavalletto

Cinzia Cavalletto

Torinese, classe 1984.
Appassionata di musica sin dalla più tenera età, fotografa amatoriale, divoratrice di libri e di cibo etnico in egual misura. Amante dell’arte e assidua frequentatrice di mostre, non può fare a meno di Netflix, della birra artigianale e dei suoi cani.