No Review – “Il senno del pop” di Mirco Menna, il mago della parola

Risale allo scorso inverno Il senno del pop, il nuovo disco di Mirco Menna, cantautore e musicista ma anche attore e autore teatrale cinematografico, compositore e frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti.

A circa tre anni di distanza dal meritevole disco dedicato a Domenico Modugno, l’artista bolognese, con questo nuovo lavoro, presenta dieci brani, frammenti di vita, come ama definirli lui stesso, una sorta di album di fotografie scattate nell’arco di tre anni. Ad accompagnarle diverse sfumature sonore, si va dal jazz al latino americano, dalla afro fino quasi a scorgere venature pop.

La tracklist parte con Portati da un fulmine, un brano dai tratti quasi swing che ci porta con la mente a tenere il ritmo su di un’isoletta hawaiana, rigorosamente a piedi nudi. Di tutt’altro stampo Così passiamo, pezzo che si focalizza sulla transitorietà della vita umana, arricchito dalla preziosa voce di Silvia Donati e dal notevole assolo finale di tromba. Altra importante collaborazione in Sole nascente, dove la fisarmonica di Gianni Coscia arricchisce un omaggio ad un magnifico quadro di Giuseppe Pellizza da Volpedo in uno dei brani più validi del disco. Surrealismo ed ironica genialità ne Il descaffalatore. Sonorità più pop in Prima che sia troppo tardi che vede il featuring della voce profonda di Zibba, mentre la title-track è un vero elogio alla capacità di Menna di saper giocare con le parole come pochi altri.

Un plauso alla versione live in quartetto di Da qui a domani, una vera chicca, e alla reinterpretazione degna di nota della canzone di Giorgio Gaber, Chiedo scusa se parlo di Maria.

“Il senno del pop” è un album che va ascoltato più volte, senza fretta, perché non finisce mai di donare nuovi stimoli e spunti sui quali riflettere.

Chiudete la porta, spegnete i cellulari e prestate attenzione.

TRACKLIST

  1. Portati da un fulmine
  2. Arriverai
  3. Così passiamo
  4. Sole nascente
  5. Il descaffalatore
  6. Ora che vai via
  7. Prima che sia troppo tardi
  8. Il senno del pop
  9. Da qui a domani – live
  10. Chiedo scusa se parlo di Maria

Recensione a cura di Cinzia Canali

Autore dell'articolo: Cinzia Canali

Cinzia Canali
Cinzia Canali nasce a Forlì nel 1984. Dopo gli studi, si appresta a svolgere qualunque tipo di lavoro, ama scrivere e ha la casa invasa dai libri. La musica è la sua passione più grande. Gira da sempre l'Italia per seguire più live possibili, la definisce la miglior cura contro qualsiasi problema.