No Interview – Il ritorno di Valentina Parisse con “Tutto cambia”

Si intitola Tutto cambia (Universal Music Italia) il nuovo singolo di Valentina Parisse, cantante e autrice romana. Il brano, scritto dalla stessa Valentina insieme a Luca Bizzi, vede anche la collaborazione di importanti artisti internazionali come Tyrone Wells, Timothy Myers (ex One Republic) e Danny Larsh.

Il cambiamento di cui parli in questo singolo potremmo definirlo una sorta di evoluzione?

Assolutamente sì. Il cambiamento di cui parlo può essere a mio avviso un modo per evolversi. Non sempre è facile, non sempre avviene in un attimo, e le “cicatrici” menzionate nel testo, che portiamo dentro e fuori, restano. Ma può esserci un grande riscatto, e una grande crescita se si prova a superarle. 

“Tutto cambia” anticipa l’uscita anche di un nuovo disco, puoi svelarci qualcosa al riguardo?

Volentieri! Molte delle canzoni che ho scritto avranno ancora, come “Tutto Cambia”, delle collaborazioni internazionali e ci saranno anche delle importanti collaborazioni italiane. 

Essendo protagonista in prima persona della loro scrittura avranno un filo conduttore legato alla realtà che ci circonda, uno sguardo attento ai grandi contrasti che oggi tutti viviamo. 

E anche un po’ di leggerezza.

Cosa ti preme di più raccontare nei tuoi pezzi?

Molte cose, come ti raccontavo nella precedente domanda. Mi piace indagare nelle zone d’ombra dei nostri stati di animo ad esempio, giocare con i paradossi come è già accaduto con “Sarà Bellissimo”.

Hai scritto brani anche per altri artisti, cosa si prova nel donare ad altri le proprie parole?

È per me una sensazione bellissima. 

Ho scritto il primo testo per un’altra artista che non avevo neanche 18 anni, era per Filippa Giordano e il brano si chiamava “Vincerai per me”. Quando l’ho sentita cantare le mie parole sono rimasta senza fiato, per me condividere Musica è una delle più alte forme di rispetto.

Parliamo anche di “Blindfold”, il brano elettronico che hai composto insieme ad Andrea Mariano. Com’è nata questa collaborazione?

È nata dalla curiosità di unire il mio modo di scrivere e il mio mondo musicale a quello di Andro che in questo suo progetto è totalmente elettronico.

Per me è stata un’esperienza davvero divertente, inoltre quando si collabora con Musicisti così in gamba come lui si impara sempre tanto.

Per quanto tu sia giovane, lavori nell’ambito musicale da parecchi anni, sia in Italia che all’estero; per una donna quanto risulta ostico, ancora oggi, far emergere il proprio talento?

Non è un percorso facile, e dire il contrario sarebbe totalmente fuori dalla realtà.

I miei personali sacrifici sono stati e continuano ad essere tantissimi, ma quando si è guidati dalla passione tutto si affronta con energia e gioia, ed è quello che faccio.

Live imminenti?

Presto arriveranno le date ufficiali e saranno tutte disponibili sui miei social!

Domanda Nonsense: lo sciroppo d’acero canadese ha niente a che vedere con quello che troviamo tra gli scaffali dei supermercati italiani?

Ce ne sono di buonissimi qui in Italia!!!!

Direi quindi di sì!! Ma consiglio a tutti i tuoi lettori di andare almeno una volta in questo Paese straordinario, il Canada, per vivere un’esperienza unica tra i piatti tipici e la natura selvaggia che riempie gli occhi di meraviglia!

Intervista a cura di Cinzia Canali

Autore dell'articolo: Cinzia Canali

Cinzia Canali
Cinzia Canali nasce a Forlì nel 1984. Dopo gli studi, si appresta a svolgere qualunque tipo di lavoro, ama scrivere e ha la casa invasa dai libri. La musica è la sua passione più grande. Gira da sempre l'Italia per seguire più live possibili, la definisce la miglior cura contro qualsiasi problema.