No Press – Annibale Festival: arriva la prima edizione a Firenze

Sabato 11 maggio 2019, al Titty Twister di Firenze, prenderà vita la prima edizione dell’Annibale Festival, organizzato da Annibale Records – l’etichetta di Luca Landi e Mattia Biagiotti, capofila della band Go!Zilla – in collaborazione con Move On, il miglior negozio di dischi in vinile (e pub con ampia selezione di birre) del centro storico fiorentino.

Annibale Festival – presentato con lo splendido artwork di Elzo Durt – è la coronazione ideale di una missione portata avanti con caparbietà attraverso gli appuntamenti targati Annibale Night, che a partire dal 2013 hanno animato le notti di vari locali fiorentini: quella di diffondere in città la miglior musica rock, psichedelica e afrobeat, proveniente da tutto il mondo.

La selezione orientata all’assoluta qualità elettrica, di livello inutile specificare internazionale, è confermata dai nomi in cartellone:

quartetto r’n’r da Portland, operativo dal 2006 con alle spalle cinque album e vari EP, tra cui l’ultimo Turn Me On stampato proprio da Annibale Records e Burger Records

duo garage-pop californiano guidato da Lucas Fitzsimons, esploso nel 2017 con America’s Velvet Glory e tornato l’anno scorso sulle scene psichedeliche con Flowers In The Spring

sestetto di Bruxelles dedito a una miscela groovosa di funk, psichedelia, afrobeat, Ethio-jazz e dub, in un’esplosione di ritmi e sassofoni, in procinto di pubblicare il primo full lenght dopo un paio di EP

progetto parallelo in ottica funk degli inarrestabili punk-rocker Giuda, nato da poco a Roma con la testa ben rivolta a Detroit

gruppo torinese capitanato da Riccardo Salvini, già leader dei Foxhound, che nel giro di due dischi, Neon Hawaii e il più recente Zenith, ha fatto volare alto la sua psichedelia contaminata con tropicalismi e influenze kraut

band di sporco e selvaggio psych-rock, nata a Roma, messasi in luce con il debutto Breaking Sound del 2015 e, da allora, semplicemente inarrestabile, specie dal vivo: il secondo disco è in arrivo, anticipato dal singolo Just A Boy

formazione di “uomini lucertola”, da Torino, su rotte garage-surf, ibridate con psichedelia sciamanica, divagazioni western e violenza noise, con all’attivo un tris di EP, un album e la cassetta Mister Sinister (quest’ultima per Annibale Records)

ovvero Stefano Isaia (Movie Star Junkies, LAME, Gianni Giublena Rosacroce) e Marco Spigariol (Krano, Vermillion Sands), fianco a fianco alla volta di un’unione fra garage-punk primitivo e alt-blues/country malinconico nel loro primo album Rosie, uscito a marzo 2019

Annibale Festival si svolgerà dunque per la prima volta nella giornata del prossimo 11 maggio, dalle 15:00 del pomeriggio fino alle 04:00 della mattina successiva. Tredici ore di musica completate dai DJ set di Wasabi Sun, Mr. Nick Matt III, Bongo Western e dell’immancabile Annibale Crew. Ingresso: 10 euro. L’appuntamento è al club Titty Twister di Via del Fosso Macinante 13, nella zona del Parco delle Cascine. Occhio, non mancate!

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Il contenuto non è un articolo scritto dalla redazione di Nonsense Mag.

Autore dell'articolo: Edward Agrippino Margarone

Edward Agrippino Margarone
Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.