No Press – THE ZEN CIRCUS: SOLD OUT IL CONCERTO-EVENTO

L’unica data indoor annunciata da THE ZEN CIRCUS è ufficialmente SOLD OUT.

 

È in programma il 12 aprile al Paladozza di Bologna l’attesissimo concerto-evento per festeggiare venti anni di carriera musicale del Circo Zen e dieci anni dall’uscita dell’album “Andate tutti affanculo” (2009), il primo interamente scritto in italiano.

Sarà uno spettacolo unico e irripetibile, una grande festa che la band regala a se stessa e a tutti i fan.

 

Rientrati da poco dalla bellissima esperienza al Festival di Sanremo, inoltre, THE ZEN CIRCUS hanno appena pubblicato l’album “VIVI SI MUORE – 1999 – 2019”, la raccolta che ripercorre venti anni di storia musicale della band.

L’album contiene 17 tracce di storia Zen, rimasterizzate per l’occasione, e 2 inediti, il brano “L’amore è una dittatura”, presentato in gara al Festival di Sanremo 2019 e “La Festa”.

 

Link al videoclip di “L’amore è una dittatura”: https://www.youtube.com/watch?v=B7Gx2gsjPUU

 

THE ZEN CIRCUS PARLANO DI “VIVI SI MUORE – 1999-2019”

“Vivi si muore” è il nostro modo, in disco, di festeggiare venti anni di Circo Zen. Nel 1999 dei ventenni della provincia “cronica” escono con un disco autoprodotto, figlio di un certo disagio sociale ed esistenziale, fatto di prove in macchina o per strada, con strumenti acustici improbabili e le mani gelate. Vent’anni e oltre mille concerti dopo, quegli stessi ragazzi si ritrovano fra le mani undici album e decine di migliaia di ragazzi come loro a fargli da esercito, un esercito fatto di fiducia, di condivisione, di verità, di gioia e dolore urlati in faccia per ricordarci che si muore – è certo – ma prima si vive. La raccolta non pretende di essere esaustiva o completa, vuole anzi essere un riassunto in canzoni, proprio come quei “Bignami” che usavano i ragazzi dell’ultimo banco in compiti in classe per cui non avevano studiato, ragazzi ai quali da sempre ci sentiamo di assomigliare.


TRACKLIST “VIVI SI MUORE – 1999-2019”

01 – L’amore è una dittatura

02 – La festa

03 – Il fuoco in una stanza

04 – Catene

05 – Non voglio ballare

06 – L’anima non conta

07 – Ilenia

08 – Viva

09 – Postumia

 

10 – I qualunquisti

11 – L’amorale

12 – Andate tutti affanculo

13 – L’egoista

14 – Canzone di natale

15 – Figlio di puttana

16 – Vent’anni

17 – Punk lullaby

18 – Fino a spaccarti due o tre denti

19 – Mexican Requiem

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Il contenuto non è un articolo scritto dalla redazione di Nonsense Mag.

Autore dell'articolo: Edward Agrippino Margarone

Edward Agrippino Margarone
Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.