No Report – Il “Sold Out” dei Thegiornalisti al Pal’Art Hotel di Acireale

Il “Love Tour” del gruppo romano ha fatto tappa alle pendici dell’Etna con due date tutto esaurito. Il racconto della prima serata.

È partita lo scorso 26 marzo dal Palazzo del Turismo di Jesolo, la tranche primaverile del “Love Tour”, la tournée dei Thegiornalisti nei principali palazzetti italiani. Ad attendere il gruppo capitanato da Tommaso Paradiso, in quel di Acireale, c’è il pubblico delle grandi occasioni: già prima dell’inizio del concerto tutti i presenti si lasciano andare a delle ole da stadio e intonano i brani dei propri beniamini (su tutti Completamente).

Alle 21.10 si spengono le luci e i Thegiornalisti vanno on stage. Un “Ciao meravigliosa gente” del Tommasone nazionale dà inizio al concerto e i primi brani in scaletta sono L’ultimo giorno della Terra e Senza. Dopo Vieni e cambiami la vita, alle spalle del palco cominciano a gonfiarsi dei palloncini: Paradiso preannuncia che la prossima canzone “parla d’amore tra uomo e donna, tra uomo e uomo e tra chi volete”: è l’ora di Love e a confermarlo sono i quattro palloni gonfiabili che ormai hanno monopolizzato la scenografia. Palloncini (rossi e a forma di cuore) numerosissimi anche in tribuna, tanto da colpire il frontman romano che chiede se può cantare la prossima canzone tra di loro.

“In Sicilia dovremmo starci un annetto, è una terra alla quale sono molto legato e in cui – dichiara il leader del gruppo – andrò in vacanza quest’estate. Questa è un’isola che mi fa sentire veramente attaccato alla terra. Ogni volta che ci torno mi sento un tutt’uno con il territorio, la natura, il mare, il cibo. Per me la Sicilia è vita e possiede una nota mistica e mediterranea inconfondibile e intramontabile”.

Tommaso è in splendida forma e il pubblico pende letteralmente dalle sue labbra: al di là dei vari cartelloni (e un reggiseno addirittura) donati dalla platea, il “Sei bellissimo” cantato dalle fan (“Perché non mi avete visto nudo” risponde lui) e l’invito a pranzo da parte di diversi spettatori, sono brani come Il tuo maglione mio – cantata all’unisono – a celebrare l’amore tra i presenti e il gruppo capace di scalare in pochi anni tutte le classifiche italiane.

La band presenta un vero e proprio inno all’amore per ripercorrere i suoi più grandi successi e stupire ancora una volta il pubblico, non solo con i brani di “Love”, il nuovo album certificato disco di platino ma anche con i successi passati (vedi Marco Rissa che imbraccia l’acustica, Tommaso che intona “Nananana” e via con Sold Out).

A questo punto del live i Thgiornalisti tornano alla formazione originaria (Paradiso, Rissa, Primavera) e raggiungono il centro del palazzetto. È il momento acustico, che si apre con Io non esisto, prosegue con i due celebri feat di Paradiso – ovvero La luna e la gatta e Da sola / In the night – e si chiude su un paio di accordi Tachipirina di Calcutta.

Segue il “momento fomento” citando la band: Zero stare sereno e Milano Roma fanno saltare l’intero Pal’Art Hotel. In un trionfo di flash Questa nostra stupida canzone d’amore emoziona e anticipa il “momento pianoforte” di Paradiso. Dopo la cover di Notte prima degli esami di Venditti (stracantata dai presenti), è la volta di Proteggi questo tuo ragazzo e Dr. House: nonostante ne fosse prevista solo una in scaletta, Tommaso non ha potuto che assecondare la richiesta della folla eseguendole entrambe.

Tra la strada e le stelle, New York, Riccione e Completamente rappresentano la parte finale del live in cui i decibel del cantato sfiorano picchi tali da rendere impossibile la comunicazione col proprio vicino. La ciliegina sulla torta è Felicità puttana che chiude un concerto in cui, per quasi due ore, a farla da padrone sono stati romanticismo e spensieratezza oltre che dell’ottima musica: un mix che identifica perfettamente il live andato in scena, capace di rasserenare mente e cuore, permettendo ai presenti di lasciare fuori dal palazzetto i problemi della routine quotidiana.

SCALETTA “LOVE TOUR” 2019

Intro

L’ultimo giorno della Terra

Senza

Vieni e cambiami la vita

Love

Il tuo maglione mio

Una casa al mare

Controllo

Sold out

Momento acustico Thegiornalisti

Fatto di te

Zero stare sereno

Milano Roma

Questa nostra stupida canzone d’amore

Momento acustico Tommaso Paradiso

Proteggi questo tuo ragazzo

Dr. House

Tra la strada e le stelle

New York

Riccione

Completamente

Felicità puttana

Autore dell'articolo: Edward Agrippino Margarone

Edward Agrippino Margarone
Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.