No Report – Mecna arriva a Catania con “Blue Karaoke”

Lo scorso 10 Novembre Mecna ha fatto tappa al Ma di Catania per presentare il suo nuovo album “Blue Karaoke”, un disco sincero e diretto, dove l’artista utilizza il suo flow per parlarci di gioie e dolori del suo quotidiano, attraverso la malinconia tipica dei suoi brani.

Ad attenderlo un locale pienissimo, che l’ha accompagnato cantando tutti i brani e rendendo estremamente entusiasta l’artista, che ha fatto notare la sua estrema gioia nel trovarsi di fronte a un pubblico così coinvolto e preparato.

Si parte con “Senza di me”, sul cui finale Mecna saluta Catania. Seguendo la scaletta del disco, prosegue con “Pratica” e poi con un brano “che di solito non faccio, ma stasera mi gioco subito”: si tratta di “31/07”. Chiede al pubblico chi di loro abbia un “Piano B”, per introdurre il brano.

Torna ad interagire con la platea per sapere quante ragazze siano presenti in sala, mostrando la sua gioia nel vederle sempre più numerose ai suoi concerti. È il momento di “Faresti con me”. Osservando la sala, mi accorgo di trovarmi in mezzo a un pubblico giovanissimo, che conosce tutti i brani di Mecna a memoria e che si riconosce in quello che dice. Spiega ai fan che tra un brano e l’altro non ama molto parlare, “preferisco fare le canzoni”. Si prosegue con un pensiero rivolto a tutti coloro che sono costretti ad andare via dalla propria città in cerca di un futuro migliore, a cui dedica “71100”.

Durante la serata coinvolge il pubblico attivamente un paio di volte. La prima è una sfida coi fan in una sorta di applausometro, per decidere se fare o meno “Fatto così”. Alla fine, dopo varie acclamazioni vince il pubblico. La seconda, quando chiede se tra il pubblico ci sia qualcuno che voglia cantare con lui sul palco. Sale una ragazza con cui si esibisce in un bel duetto. Piano piano si arriva ai bis. Si riparte con “Super”, “Il tempo non ci basterà” e “31/09”. Nella festa conclusiva, prima di andare via, si accorge che c’è una ragazza in videochiamata, afferra il cellulare dell’amico e le dedica il finale, facendola salutare dal pubblico.

Mecna ha dimostrato di essere lontano dallo stereotipo del rapper, mostrando di album in album la sua sincerità con brani che spesso sono dei veri dialoghi, quasi sempre amari, in cui i suoi fan si riconoscono per l’innegabile capacità di raccontare il loro mondo come pochi sanno fare.

Report a cura di Egle Taccia

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia
Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag, scrive per Qube Music e Lamusicarock e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!