NoBook: “HERE, THERE AND EVERYWHERE”, tra mito e realtà

“In origine, prima che l’uomo nascesse,
potesse fare affidamento sulla propria conoscenza
e sulla propria natura da dominatore,
venne creato da una coppia di Dei, Aeval e Taranis,
un regno fiorente e maestoso
a cui venne dato il nome di Endymion.”

Inizia così “HERE, THERE AND EVERYWHERE” di Teresa Fabozzi (Habanero ed Erga edizioni), uno splendido esempio di narrativa fantastica dove i vizi e le virtù dell’animo umano si mescolano con elementi magici e naturali.

Moruadh, banshees, marmonani e stregoni sono solo alcune delle creature prese in prestito dalla mitologia per costruire un intero universo, con le sue leggi e il suo lessico.

Gli avvenimenti si muovono lungo tre direzioni, che danno il nome alle diverse parti del libro: sogno, incubo e allucinazione. Labirinti, mondi oscuri e magie straordinarie restituiscono ulteriore fascino al viaggio intrapreso dai protagonisti: un percorso di consapevolezza e di crescita personale che inizia e si conclude con il “libero arbitrio”.

“Nonostante si respirasse un’atmosfera magica e serena
tra Hack, il borgo, il mare e la foresta di Endymion,
vi era, ai confini di quest’ultima,
un luogo lugubre e pericoloso: le paludi.”

Teresa Fabozzi, nel prendere in mano un genere così “esigente”, ha un merito particolare: se il desiderio di rendere onore ai miti l’ha portata a costruire un racconto fatto di dettagli e citazioni, allo stesso tempo non ha mai messo da parte la volontà di raccontare sentimenti e circostanze comuni a tutti, per costruire un romanzo in cui i lettori potessero comunque riconoscersi.

Tra incantesimi e vite rubate, allucinazioni e sogni si potrebbe avere l’impressione, qualche volta, di avere un piccolo capogiro. La soluzione? Leggere, lasciarsi andare, guardarsi dentro e perdere la concezione dello spazio, godendo dei riferimenti ai protagonisti della letteratura mondiale e della musica, e agli ammiccamenti a chi, fra l’ucronia e il fantasy, ha costruito interi castelli.

Autore dell'articolo: Agnese Ermacora

Agnese Ermacora
Ha collaborato con sei redazioni differenti in Friuli Venezia Giulia e in Lombardia, ha realizzato un programma sulla salute mentale con Massimo Cirri e ha confezionato – dalla A alla Z – programmi di musica e cucina per Radio Popolare di Milano. Ha coordinato la nascita e lo sviluppo di un portale per l’infanzia, Radio Magica (Premio Andersen e Premio Web2Salute), mediando tra artisti, autori, insegnanti e pediatri. Negli ultimi anni si è trasferita a Roma e si è specializzata nel social media management, storytelling e nella produzione di prodotti culturali per bambini e adulti. In più, si è dedicata al management, alla comunicazione e al booking di musicisti di diversa provenienza. E’ socia dell’Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi ICWA (Italian Children Writers Association –www.icwa.it)