Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Report

AI MAGAZZINI GENERALI DI MILANO ARRIVA IL MONDO GIOVANE DI GIUSE THE LIZIA

A restituirci un quadro completo della generazione Zeta e, in particolare, dei nati nel 2001, ci avevano già pensato gli Psicologi (Marco de Cesaris e Alessio Aresu) qualche anno fa. Eppure, Giuseppe Puleo, in arte Giuse The Lizia, sembra intenzionato a continuare su questa strada, facendosi portavoce di una narrazione sincera e senza fronzoli di quella parte di giovani in bilico appartenenti ai primi anni del 2000 o, al massimo, a poco prima.

Ai Magazzini Generali, il 19 ottobre, ci sono i Colla Zio, Alfa e Olly a guardarlo esibirsi, oltre a circa 1000 persone che hanno fatto registrare il sold out alla tappa milanese. È il suo primo tour, ma sembra, in realtà, abbastanza a suo agio nel contesto del live, come se lo facesse da sempre. Si diverte, scherza, ringrazia Maciste Dischi (la sua etichetta discografica) e Sarubbi che lo hanno “scoperto”, omaggia gli Arctic Monkeys con 505 e, inaspettatamente, Arisa, con Meraviglioso amore mio, definendola una delle migliori interpreti italiane del momento. Persino i tributi assorbono il suo stile, collegandosi musicalmente in un giro di accordi alle canzoni che ha scritto e che parlano chiaro e tondo di giovani non più ragazzini, ma nemmeno così adulti. Umani inesperti che si interrogano su vita, amore e sulla direzione da prendere, offuscata e poco visibile.

Il pubblico è vivo, entusiasta, le canta tutte a memoria e a gran voce ed è forse questo che sorprende, se si pensa al percorso di Giuse: nel giro di soli due anni, ha attratto a sè moltissimi ragazzi in quella precisa fase esistenziale dove puoi essere tutto, ma, in fin dei conti, non sai bene dove andare. Dove l’amore si confonde con il sesso e non sai se l’hai capito davvero questo fantomatico sentimento o se ciò che hai in mente è soltanto il prodotto di concetti e immagini che hai immagazzinato nel tempo, guardando gli altri da lontano. Dove ti fai male in tutti i modi possibili e, a volte, non sei davvero così sicuro che ne uscirai bene, fino a che non arriva qualche amico a salvarti e a portarti fuori di te.

Giuse The Lizia sul palco non è niente di diverso da quello che è tra i vicoli di Bologna o tra i corridoi dell’università. Si mostra profondamente giovane, mai profeta, semmai megafono per molti. Una maglietta, dei jeans e una chitarra, per cantare l’incertezza di un tempo che fa paura, ma che, tutto sommato, fa venire voglia di vivere davvero.

Written By

Studentessa di Comunicazione per le Imprese e dottoressa in Economia dei Beni Culturali e Dello Spettacolo, ha 22 anni, ma al suo primo concerto era nel passeggino, mentre Ligabue urlava contro il cielo. "Il favoloso mondo di Amélie" è il suo film preferito, forse perché, come la protagonista, lascia la testa sulle nuvole, abbandonandosi a una realtà fatta di libri, musica, cinema, teatro e podcast.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Report

Durante l’ultima data del tour italiano negli stadi “Overdose D’Amore”, Zucchero ha divertito ed emozionato il pubblico con il suo energico show tutto suonato dal vivo....

No Report

Pochi giorni fa Appino ha pubblicato un nuovo singolo dal titolo “Le vecchie maniere”, un brano dove l’artista ci regala un altro spaccato di...

No Review

Lo sguardo aperto verso il futuro, senza mai rivolgere, però, le spalle al passato. È questo il punto di partenza del progetto “Dire Fare...

No Report

Il teatro Gerolamo di Milano è un posto unico. Piccolissimo, solo 209 posti, noto per aver ospitato in passato dapprima spettacoli di marionette e...