Bugo – Voglio parlare solo della mia musica [Press]

 

BUGATTI CRISTIAN

il nuovo progetto di

BUGO

 

 

Pubblicato su etichetta Mescal VENERDÌ 5 MARZO e distribuito da Sony, BUGATTI CRISTIAN  è il nuovo di album di BUGO, che ha di recente partecipato alla 71° edizione del Festival di Sanremo con E INVECE SÌ brano incluso in questo nuovo progetto.

5 nuovi brani assolutamente inediti tra i quali spiccano E INVECE SÌ, e MEGLIO, impreziosito dal featuring dei PINGUINI TATTICI NUCLEARI con i quali BUGO si è esibito nella serata delle cover il 4 Marzo omaggiando Lucio Battisti con UN’AVVENTURA.

 

BUGATTI CRISTIAN oltre alle 5 canzoni inedite – E Invece SìMeglioCome Si FaVideogameO Che Cosa –  include le 9 canzoni presenti  in Cristian Bugatti, tra le quali i singoli Sincero, Mi Manca e Quando Impazzirò;

di seguito la tracklist completa:

  1. E INVECE Sì
    2. COME MI PARE
    3. MEGLIO feat. Pinguini Tattici Nucleari
    4. QUANDO IMPAZZIRO’
    5. AL PAESE
    6. MI MANCA feat. Ermal Meta
    7. COME SI FA
    8. STUPIDO EH?
    9. VIDEOGAME
    10. SINCERO feat. Morgan
    11. CHE CI VUOLE
    12. FUORI DAL MONDO
    13. UN ALIENO
    14. O CHE COSA

Abbiamo partecipato alla conferenza stampa di presentazione dell’album.

Una delle prime cose che sono state chieste a Bugo è il perché della presenza nel disco del brano “Sincero” con il ft. di Morgan, nonostante tutto. Bugo ci tiene subito a sottolineare che: “Sincero è bellissima così anche perché c’è Morgan. La canzone l’ho scritta io ed esiste una prima versione che canto da solo, ma non ho mai pensato di non inserire la sua voce. Perché avrei dovuto farlo? Artisticamente è bellissima.”

 

Parlando di ciò che collega i brani del disco, spiega: “Il trait d’union sono i produttori, Simone Bertolotti ed Andrea Bonomo, con loro ho iniziato un percorso fantastico dal 2018. Questo è il senso dal punto di vista sonoro, degli arrangiamenti.”

Riguardo al brano “Videogame”, nel quale lo sentiamo cantare con l’autotune, spiega: “Non faccio musica per prendere in giro nessuno, tutte le altre canzoni sono molto pulite, volevo fare un disco in cui la mia voce fosse più limpida possibile. Videogame, invece, è molto più simile a Sincero come sonorità, ha il vocoder come tributo al mondo dei videogame analogici, al Commodore, a Super Mario Bros.”

Parlando degli altri brani: “Le uniche canzoni che si discostano dal disco sono “Supido Eh?” che ha la coda strumentale e “O che cosa”. Mi fanno un po’ respirare all’interno dell’album, però le sento coerenti con quello che dico nel disco. O che cosa, in particolare, è una chiusura, l’immagine della zanzara che non ha paura, chiude questo percorso. Sono qui per dirvi che sto bene e voglio superare le difficoltà della vita.”

Durante il festival, Bugo ha attirato l’attenzione con un post sui social che spiega essere nato da un momento di frustrazione. “Il post che ho scritto, è venuto dopo la stanchezza di essere a Sanremo da tanti giorni, in una situazione particolare a causa della pandemia. Leggere nei giornali quello che è successo l’anno scorso, ancora dopo un anno veder riportata sempre quella cosa lì, mi pesa, io voglio parlare di musica. Penso e credo che per alcuni la mia musica non sia stata importante ed io ne ho sofferto tanto, la mia musica è stata offuscata da questa vicenda e per un artista è una cosa un po’ pesante da digerire. Voglio cantare con il mio modo di essere, anche impreciso, tutti i miei grandi eroi erano imprecisi. Voglio semplicemente cantare la mia canzone, tutti sappiamo che il palco di Sanremo è difficile e importante. Sono arrivato cercando di essere più concentrato possibile per lanciare questo messaggio, che Bugo piaccia o no.”

Sul significato di questo album: “Non faccio dischi concettuali, i cosiddetti concept, ma cerco all’interno di un disco di mandare un messaggio all’ascoltatore, per quello che mi riguarda questo album, la mia partecipazione a Sanremo, è come un presentarmi, contiene la mia visione del mondo in diversi argomenti che possono essere l’amore di “Fuori dal mondo”, o il desiderio di star bene di “E invece sì”, o la forza della nostalgia di “Mi manca”. Cerco di fare dei dischi in cui racconto la complessità del vivere, senza usare paroloni, è quello il senso. Bugatti Cristian è il mio racconto, la mia visione del mondo.”

Parla anche della sua amicizia con i Pinguini Tattici Nucleari, che lo hanno affiancato nella serata delle cover: “Ho scelto i Pinguini, perché è nato un bel rapporto di amicizia allo scorso festival. Erano lì a cantare un pezzo dei Beatles e io mi sono buttato a cantare con loro. Ho giocato con Riccardo una partita, abbiamo entrambi fatto parte della giuria di Castrocaro, abbiamo passato 4-5 giorni insieme. Avevo questa canzone nuova che si chiamava “Meglio” e ho pensato che la sua poetica sarebbe stata perfetta per la canzone. Stessa cosa è successa con Ermal e per Sincero. Quando ho scelto Battisti e “Un’avventura” mi è venuto naturale chiamare loro e con molta semplicità hanno accettato. Con loro farò ancora tante cose, è stato un bellissimo percorso.”

Abbiamo chiesto a Bugo se stia già pensando, quando sarà possibile, di ripartire in tour: “I concerti sono in assoluto la cosa che mi manca di più di tutto questo percorso. Sono un personaggio da concerti più che da televisione, vengo da lì. Le notizie che arrivano sembrano positive, l’importante che ci siano segnali e la volontà di farlo. L’anno scorso qualche evento è stato fatto, ci sono state pochissime persone contagiate, sono sicuro che quando ci saranno le riaperture si potranno fare eventi, in un certo modo e rispettando le regole. Ci stiamo pensando, sono già pronto, se mi dicono che tra tre settimane posso suonare, parto. Penso che solo in quel momento potrò tornare a respirare.”

 

A cura di Egle Taccia

 

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia
Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!