Emma ed Alessandra Amoroso ci donano un “Pezzo di cuore” [Press]

 

Una storia comune di musica e amicizia lunga oltre 10 anni

Due inconfondibili voci che si fondono in un unico…

PEZZO DI CUORE

l’atteso duetto inedito di

EMMA e ALESSANDRA AMOROSO

 

IN RADIO E IN DIGITALE DA VENERDÌ 15 GENNAIO

«Si intuisce fin dal primo ascolto che, pur essendo moderna nei suoni,

“Pezzo di cuore” è un nostro romantico ritorno alle origini»

PEZZO DI CUORE” è il titolo di uno dei duetti più attesi degli ultimi 10 anni, tra due delle voci femminili più seguite del panorama musicale italianoEmma e Alessandra Amoroso.

Il brano (prodotto dal pianista e compositore Dardust, che ha anche scritto il brano con Davide Petrella) sarà in radio e su tutti gli store e piattaforme digitali da venerdì 15 gennaio.

Dal 29 gennaio il brano sarà inoltre disponibile in edizione limitata nella versione vinile 45 giri, acquistabile in esclusiva sul sito di Universal Music Italia.

Pezzo di cuore” è un dialogo tra due donne, due amiche, con due percorsi e due personalità differenti ma entrambe sempre alla ricerca della verità delle loro emozioniIl brano, infatti, parla proprio di questo: di trovare il modo giusto per vivere i sentimenti in maniera autentica, a partire dall’amore proprio nei confronti di se stessi.

 

Abbiamo partecipato alla conferenza stampa insieme ad Emma ed Alessandra Amoroso, durante la quale le artiste ci hanno raccontato come è nato il pezzo e l’incredibile alchimia che si è creata tra loro durante le registrazioni del primo brano inedito nel quale le vediamo duettare insieme.

 

Emma: “Da un po’ di anni c’era nell’aria la volontà di fare una canzone insieme ad Alessandra e anche quella parte bella dei nostri fan ce lo chiedeva da un sacco di tempo. Poi in realtà è stata una scelta istintiva perché io ero a Milano per fare X Factor, lei era a Roma per fare le sue cose, ma ho sentito questo senso di irrequietezza, avevo voglia di fare qualcosa per far ripartire il 2021 con una sensazione di sano ottimismo, avevo voglia di ripartire con entusiasmo, come direbbe Alessandra. Ho chiamato Dario e gli ho trasmesso tutti questi miei pensieri, volevo una canzone senza tempo, una ballad, qualcosa di forte. Dario, insieme a Davide Petrella, ha tradotto in musica e parole tutte queste mie sensazioni e quelle emozioni che volevo arrivassero da questa canzone. A brano quasi ultimato l’ho inviato via Whatsapp ad Alessandra e poi le ho telefonato e le ho detto: “Guarda, questa è la nostra canzone! La prima parte la canto io, la seconda parte la canti tu, la parte finale la facciamo insieme, ovviamente non penso che tu possa dirmi di no!” E così è andata. Dopo undici – dodici anni di carriere ben distinte e separate, finalmente abbiamo trovato il modo per unire i nostri mondi e fare qualcosa che piaccia a tutti.”

Alessandra Amoroso: “Questo pezzo di cuore finalmente è accanto a me. Sono felice, onorata. Quando mi ha chiamata non potevo rispondere diversamente, non potevo tirarmi indietro. Non l’avrei mai fatto perché era una volontà che avevamo espresso entrambe. Ho pensato a un dialogo tra me e lei e così è stato anche quando siamo andate a registrare il brano.”

Emma: “Credo che pezzo di cuore sia una canzone universale e cantarla insieme è stato facile, perché per cantare insieme e fare una cosa fatta bene ci vuole il grandissimo pregio di sapersi ascoltare. Siamo due persone diverse, ma nella nostra diversità sappiamo ascoltarci, per questo le nostre voci sono riuscite ad andare all’unisono. Chi non ha avuto dei momenti di buio? Tutti noi ci facciamo delle domande sull’amore, che poi è la cosa che fa muovere il mondo. Due donne della stessa età hanno capito che amare se stesse e rispettarsi sono il punto di partenza per riuscire ad amare gli altri.

Emma e Alessandra Amoroso spiegano come negli anni sia cambiato il loro approccio verso i sentimenti: “La parola amore va data spesso per scontata come se fosse semplice. Molto spesso si è rischiato di vacillare sotto il peso dei pregiudizi e questo porta ad essere molto autocritici. A trentasei anni sono diventata meno dura, meno rigida e gli altri hanno trovato una fessura di luce dove entrare piano piano.”

Alessandra Amoroso: “Sicuramente in quest’anno difficile abbiamo imparato a stare soli, a guardarci dentro. Una parte importante di noi è l’amor proprio e quel sano egoismo che ci permette di essere al primo posto senza togliere nulla agli altri, che ci porta a dare le giuste priorità alle persone e alle cose.”

Emma ci racconta come tutto sia nato tra di loro, senza che le rispettive etichette fossero informate, nell’assoluto riserbo: “Abbiamo registrato da Dario ed è stata una giornata normale, c’era tanta emozione, eravamo tanto emozionate perché captavamo il peso specifico di quello che stavamo realizzando. C’era anche il peso del segreto, non lo sapeva nessuno, siamo arrivate incappucciate a distanza di dieci minuti l’una dall’altra.

Dario e Davide fanno parte della carriera artistica di entrambe ed è stato come essere in famiglia. È stato tutto naturale. Non è scontato che due artiste riescano a far trapelare le loro fragilità, invece noi ci siamo ammazzate di stonature e di risate, di momenti di grande emozione e di emotività. La cosa bella è che io ed Alessandra non dobbiamo nasconderci tra di noi, non dobbiamo nasconderci dietro una finta armatura da artiste di mondo.”

 

Alessandra Amoroso racconta anche di quando Maria De Filippi ha ascoltato il brano: “Maria quando l’ha sentita era molto contenta di vedere queste sue due figlie cantare insieme. Ero veramente tanto emozionata, perché desideravo esprimermi in una canzone insieme ad una mia amica e devo dire che Emma è arrivata nel momento giusto della mia vita. Avevo davvero il batticuore.”

Si parla anche di futuro, di come si evolverà questa collaborazione nei prossimi mesi e Alessandra Amoroso spiega: “Tendenzialmente il futuro è un po’ incerto e questa ripartenza abbiamo bisogno di farla passo dopo passo. Se mai dovesse accadere di fare un disco insieme, un tour insieme, sarebbe meraviglioso. Forse ho troppo entusiasmo, ma ci troviamo veramente troppo bene. Per il momento pensiamo all’oggi.”

Emma: “Devo chiudere questo capitolo dei miei dieci anni, se non finisco un libro non riesco ad iniziarne un altro. Quest’anno farò di tutto per ripartire in tour, ho bisogno di portare live la mia squadra e di far ripartire economicamente il mondo dei concerti. È come se avessi avuto un coito interrotto orrendo, è uscito “Fortuna” e quello che avevamo in programma mi è rimasto qui. È esplicito e scontato che Alessandra sarà ospite ovunque riterrà opportuno. Io e Alessandra sono più di dieci anni che andiamo in giro a portare i nostri dischi, ogni volta che c’è stato un disco, c’è stato un tour. Il covid è stato una mazzata, ma quest’anno con ogni mezzo ripartirò in tour.”

Una storia comune e due vite vissute per la musica. Le carriere di Emma e Alessandra sono iniziate con la vittoria di “Amici” per poi proseguire su binari paralleli, ognuna alla ricerca della propria identità. Nell’arco degli ultimi 10 anni, hanno condiviso il palco ritrovandosi a vivere insieme momenti fondamentali della loro carriera o ancora a lottare per importanti battaglie sociali, contro preconcetti e violenze della nostra società, adesso, con questo duetto, bramato per oltre 10 anni dalle enormi fanbase di entrambe le Artiste, raccontano senza filtri il loro concetto di amore e cantano all’unisono:

«Ora che abbiamo imparato l’amore, Ora che abbiamo imparato l’amore… Non so smettere».

 

A cura di Egle Taccia

 

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia
Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!