Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Report

Il racconto del concerto di Gazzelle a Taormina [Report]

Il 24 luglio a Taormina è arrivato Gazzelle, insieme a una folla di ragazzi da ogni parte della Sicilia e d’Italia, coloratissimi e felici di ritrovarsi così vicini al proprio idolo.

L’arrivo sul palco dei musicisti e di Gazzelle viene accompagnato da un’esplosione di gioia tra il pubblico, che si alza subito in piedi per ballare e cantare sulle note di “Meglio così” e “Non c’è niente”. Saluta tutti e dalla platea parte un boato di applausi.

Si va avanti con “Però” e “Sbatti”. Saluta di nuovo e chiede al suo pubblico di fare un po’ di caciara, poi fa un commento sul Teatro Antico, sottolineando come questo posto incredibile gli ricordi Roma.

Si va avanti con “Blu” e con altri apprezzamenti sul luogo che lo ospita: “W la Sicilia! È la prima volta a Taormina in vita mia, devo dire che è molto bella”.

“Lacri-ma” anticipa una canzone scritta durante il lockdown, “Ora che ti guardo bene”, seguita da “Nmrpm” e “7”. Chiede al pubblico da quale parte della Sicilia arrivino e così scopriamo che ci sono tantissimi ragazzi provenienti da ogni parte dell’isola, ma non solo, per vedere Gazzelle.

Prosegue con “Smpp” e, dopo aver fatto cantare “Tanti auguri a te” dal pubblico ad un membro della band, chiede di cantare “Polynesia” insieme a lui.

“Sopra” è seguita dai cori sul ritornello di “Fottuta canzone” e “Gbtr”. Secondo Gazzelle: “In Sicilia siete più felici che nel resto dell’Italia.” L’enorme partecipazione del pubblico lo conferma.

Si va avanti con “Scusa” e una canzone che dedica ai suoi cani, “Nero”, seguita da “Vita paranoia”.

“La prossima canzone parla di me e di quanto faccia schifo…Settembre”.

Si entra nel vivo del concerto con molti pezzi che sono quasi degli inni per il pubblico: “Punk”, “Tutta la vita”, “Scintille”. Si ritira dietro le quinte dicendo: “Vi voglio bene ragazzi”, ma viene richiamato dalla sua gente che non vuole saperne di lasciarlo andare e torna quasi subito per concludere il live con “Quella te” alla fine della quale vola un reggiseno sul palco, segno che le vecchie abitudini non muoiono mai, e con “Destri”. Sulle note dell’ultima canzone, “Non sei tu”, scende in platea e gira tra i suoi ragazzi, senza risparmiarsi, venendo letteralmente assalito da un calore riservato a pochi.

Di concerto in concerto Gazzelle si dimostra sempre più maturo, parla poco, ma sa come avvicinarsi al suo pubblico col suo atteggiamento timido e schivo, che però nasconde un gran cuore racchiuso nei suoi pezzi.

Report a cura di Egle Taccia

Written By

Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Report

Durante l’ultima data del tour italiano negli stadi “Overdose D’Amore”, Zucchero ha divertito ed emozionato il pubblico con il suo energico show tutto suonato dal vivo....

No Report

Pochi giorni fa Appino ha pubblicato un nuovo singolo dal titolo “Le vecchie maniere”, un brano dove l’artista ci regala un altro spaccato di...

No Review

Lo sguardo aperto verso il futuro, senza mai rivolgere, però, le spalle al passato. È questo il punto di partenza del progetto “Dire Fare...

No Report

Il teatro Gerolamo di Milano è un posto unico. Piccolissimo, solo 209 posti, noto per aver ospitato in passato dapprima spettacoli di marionette e...