Laura Pausini – Esce in tutto il mondo IO SI (Seen) [News]

LAURA PAUSINI

 

Esce in tutto il mondo IO SI (Seen)

Il brano è la original song di “The Life Ahead – /La Vita Davanti A Sé” con Sophia Loren e con la regia di Edoardo Ponti e sarà candidato per le nomination agli Oscar 2021

Esce in tutto il mondo l’EP “Io si (Seen) [From The Life Ahead (La Vita Davanti A Sé)]”

 

 

 

IO SI è la prima collaborazione di Laura Pausini con Diane Warren (11 nomination agli Oscar, 1 Grammy Award, 1 Emmy Award, 1 Golden Globe) ed è il primo inedito per Laura Pausini dopo la vittoria dell’ultimo Latin Grammy del novembre del 2018 per l’album “Fatti Sentire”, il quarto ricevuto della sua carriera oltre al Grammy del 2006.

Abbiamo partecipato alla conferenza stampa di presentazione del brano nella quale Laura Pausini si è resa disponibile a parlare della sua partecipazione al progetto e del suo rapporto con Sophia Loren:

“Il progetto è nato quest’estate quando mi ha chiamata Diane Warren per parlarmi di questa canzone e di questo film. La canzone è nata in inglese e si chiama “Seen”. Dopo che mi ha raccontato il progetto ho parlato con Edoardo Ponti che mi ha mandato il film. Dopo averlo visto ho deciso di cantare il brano.”

“La canzone ovviamente mi piaceva già, però quando si partecipa a questo tipo di progetti, credo sia importante soprattutto trovare un’affinità, anche personale, col film. Mi riconosco al 100% con quello che il film racconta, mi sono molto entusiasmata, quindi ho parlato di nuovo sia con Diane che con Edoardo e da lì è nata una vera e propria collaborazione, che poi è quello che mi ha spinto ad innamorarmi ancora di più di questo progetto, perché quando si fanno canzoni da tanti anni e si vivono diversi tipi di emozioni, c’è bisogno di sentirsi curiosi e coinvolti completamente. Mettermi a disposizione al 100% del film mi ha fatto vivere un’esperienza che non avevo mai vissuto, anche se nel ’99 avevo fatto una colonna sonora per un film di Kevin Costner e Robin Wright, e anche in quel caso era un brano prodotto apposta per il film, questa volta mi è stato chiesto di essere ancora più partecipe, ancora più complice, perché improvvisamente, da essere la colonna sonora in inglese, si è deciso di provare a farla in italiano, penso per volontà di Edoardo. Abbiamo passato, quindi, tante settimane a scrivere questo testo. Normalmente per le mie canzoni parto dai testi, spesso molto istintivi e che riguardano la mia vita, i miei pensieri.”

“In questo caso volevo rispettare due cose. La prima è ovviamente il significato del film, ma anche il momento nel quale questa canzone arriva, perché è un passaggio molto importante della pellicola. Non è solo a chiusura, ma arriva per dire qualcosa.Volevo anche rispettare quello che il testo originale in inglese raccontava. La lingua inglese, quando si scrive una canzone, spesso è molto affascinante, perché avendo dei termini con sillabe più corte o troncate, molto spesso crea dei suoni molto gradevoli sia da cantare che da ascoltare, ma tradurli in italiano è quasi sempre impossibile, però  in questo caso è il testo il punto focale della canzone.”

 

“Abbiamo scritto insieme a Niccolò Agliardi, cambiato, ricambiato, e poi ci siamo di nuovo confrontati con Edoardo. L’ho registrata in Romagna, a casa dei miei genitori, dove vado ogni volta che sono ferma e, dopo che l’ho registrata, l’abbiamo riascoltata guardando il film e da lì abbiamo fatto degli ulteriori cambi. È stato proprio un lavoro, non mi era mai capitato di mettermi a completa disposizione come interprete. Negli ultimi dieci anni, tutti i testi delle mie canzoni hanno qualcosa di mio nella scrittura, riguardano me, in questo caso invece volevo essere la voce narrante di quel momento. Quando guarderete il film capirete il perché di queste mie parole.”

“Mi sono molto innamorata di questo mondo e forse ho aspettato così tanto in questi anni per accettare di fare il tema principale di un film, perché aspettavo di emozionarmi così. Questa emozione ovviamente arriva dalla canzone, ma soprattutto arriva dal significato di queste vite, di questo film che racconta in particolare di due persone, Madame Rosa e Momò, e di quegli incontri che possono cambiare la vita e in questo caso possono salvarla. A me questo emoziona tantissimo.”

“Io e Sophia ci siamo parlate tanto, la prima volta che ci siamo viste eravamo ad una festa di Giorgio Armani a Beverly Hills, io ero lì che registravo il disco in inglese e l’ho incontrata e, anche se era una festa piena di gente, lei è stata molto con me e in quell’incontro ho capito subito che c’era empatia tra di noi. Ci siamo riviste alcuni anni dopo a Ginevra, perché Phil Collins aveva organizzato un concerto benefico per la sua associazione. Lei è molto amica di Phil Collins, quindi era stata invitata, mentre io ero lì per cantare. Nel pomeriggio, mentre aspettavamo di fare le prove, è venuta a vedere le prove, anche questa è una cosa che mi ha sorpreso, siamo state da sole, sedute in platea nel teatro vuoto in attesa dei tecnici, ed abbiamo parlato tantissimo. Era un anno particolare per me, perché non riuscivo a rimanere incinta, le ho raccontato queste cose e lei mi ha parlato tantissimo. Incarna l’idea che hanno gli stranieri della donna italiana, è molto materna, molto protettiva. Poi l’ho rincontrata un’altra volta per il suo compleanno. Ha festeggiato a Città del Messico, io ero lì che facevo The Voice e mi ha invitata. C’era anche Edoardo in quell’occasione. Anche questa volta, al suo compleanno, lei è stata seduta vicina a me e mi ha raccontato tante cose personali. L’impressione è sempre quella di avere di fronte a te questa icona, il modo in cui lei sta seduta e muove gli occhi, come gesticola, la fa apparire sempre come un’icona, anche se a lei non piace definirsi tale, e la cosa che ti spiazza è che in una frase sa dirti delle parole che ti avvolgono, è come se ti avesse capita, è come se ti avesse studiata.”

Riguardo al brano prosegue: “Ha sentito la canzone. Queste grandi star sono coinvolte in tutto e anche in questo progetto è stata attenta ad ogni cosa, compresa la musica. Io l’ho anche vista cantare questa canzone e lo vedrete presto anche voi. Nel videoclip ci sarà anche lei, ma non sarà un duetto.”

“Questa canzone mi ha conquistato al primo ascolto. È stato un grande piacere poter trovare un’occasione importante per collaborare con Diane Warren. Ci siamo conosciute molti anni fa ma abbiamo fatto bene ad aspettare questo momento per proporre la nostra prima collaborazione. La stimo tanto e quando mi ha cercato per propormi questa canzone ho capito che era finalmente arrivato il momento che le nostre carriere si incrociassero”, ha affermato Laura Pausini.

“I’m so proud to have written the original song “IO SÌ (Seen)” for the beautiful and amazing film The Life Ahead from director Edoardo Ponti. – aggiunge Diane Warren- Both Madame Rosa and Momo, masterfully played by the legendary Sophia Loren and Ibrahima Gueye, are not seen for who they are by the outside world, but they learn to truly see each other and though it’s not easy at first, to truly love each other. There is not a better voice for this song than the brilliant Laura Pausini. I am so honored that she decided to sing it and bring it to life like no one else could have done.”

IO SI/ Seen è la original song di The Life Ahead /La Vita Davanti A Sé, il nuovo film di Edoardo Ponti che segna il ritorno alle scene di Sophia Loren dopo 10 anni di assenza.

In uscita per Atlantic Warner, IO SI/Seen è prodotta, mixata ed engenereed da Greg Wells, produttore californiano collaboratore – tra gli altri- di Artisti del calibro di Adele, Katy Perry, Dua Lipa, Celine Dion, Aerosmith, Elton John. Gli archi sono stati scritti e arrangiati da David Richard Campbell. La produzione esecutiva è di Bonnie Greenberg che tra gli altri ha collaborato per i film come The Mask, Sister Act, Desperate Housewife e Peter Pan.

“È una grande emozione vedere in scena Sophia e poter apprezzare la sua generosità nell’interpretare una storia intensa, italiana e con un significato socialmente così importante e purtroppo ancora molto attuale. Edoardo Ponti mi ha mandato il film in anteprima questa estate e mi ha detto che desiderava fosse la mia voce a portare il messaggio del film nel mondo; questo mi lusinga davvero moltissimo.”

Il testo di IO SI/Seen in italiano è stato scritto dalla stessa Laura con uno degli autori italiani più importanti della nuova generazione e con cui di recente ha collaborato di più per i suoi dischi, Niccolò Agliardi. Il brano è stato composto in cinque versioni, Laura ha voluto che tutto il suo grande pubblico nel mondo potesse ascoltare e capire profondamente la bellissima storia di The life ahead. L’EP con tutte le versioni sarà disponibile dal 23 ottobre su tutte le piattaforme digitali e di streaming. Ma è la sola versione italiana quella scelta per accompagnare il film in tutto il mondo. Il brano italiano sarà proposto dai produttori per le prossime nomination per gli Oscar 2021 ma Laura Pausini lo propone al suo pubblico anche nell’Ep in altre 4 lingue: inglese (Seen), spagnolo (Yo si), portoghese (Eu sim), francese (Moi si’) e naturalmente IO SI, in italiano.

“Quando mi hanno detto che era la versione italiana quella definitiva per accompagnare il film in tutti i Paesi del mondo ne sono stata onorata, ho lavorato molto al testo per renderlo emozionate come quello in inglese che aveva scritto Diane. È’ un film italiano, girato in Italia, con attori italiani e diretto da un italiano. È un’opera che mostra con orgoglio il nostro senso di accoglienza verso il resto del mondo, e racconta il carattere di chi, essendo italiano, sa non rimanere nell’ombra.”

La voce di Laura è registrata e mixata da Paolo Carta che ha curato anche il mastering del brano. “Chi vedrà The Life Ahead/La Vita Davanti A Sé, capirà ancora meglio alcune frasi scritte e alcuni dettagli nella mia interpretazione vocale. Mi sono messa a completa disposizione del film. Del resto è un progetto davvero particolare per me, non è il mio nuovo album o il mio nuovo singolo, ma lo vivo con una forte passione e anche con commozione”.

The Life Ahead/La Vita Davanti A Sé sarà nelle sale cinematografiche il 3, 4 e 5 novembre e disponibile in tutto il mondo su Netfix dal 13 novembre.

 

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia
Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!