No Report – Franco 126 accende il pubblico dell’Indiegeno Fest sulla spiaggia di Patti Marina

Il 2 agosto si è ufficialmente aperta a Patti la VI edizione dell’Inidiegeno Fest, il festival di musica indie che dal 2014 si tiene ogni anno nel mese di agosto nella location del Golfo di Patti e che quest’anno riporta nella line up, tra gli altri, Daniele Silvestri, Carl Brave, i Canova, Myss Keta e Franco 126.
La prima serata di questa VI edizione si è aperta nella suggestiva cornice della spiaggia di Patti Marina, dove il pubblico ha ascoltato le canzoni proposte, nell’ordine da Clavdio, Fulminacci, i Canova e Franco 126.
L’esibizione di Franco 126 si è svolta secondo la tracklist del tour di “Stanza singola”, l’ultimo album da solista del cantante dopo la rottura del sodalizio artistico con Carl Brave con cui aveva ideato e prodotto Polaroid, disco d’oro che lo ha portato alle vette del successo di pubblico.
Terminata l’esibizione dei Canova, il pubblico ormai caldo ha atteso l’ingresso sul palco di Franco 126 sulle note di Minuetto di Mia Martini, come di consueto nel tour di Stanza singola.
Franco appare con occhiali da sole e giacchetta sportiva, iniziando l’esibizione sul ritmo delle canzoni Fa lo stesso, la trascinante San Siro seguita da Brioschi, supportato da un pubblico affiatato che ha cantato fedelmente ogni parola delle canzoni.
L’artista coinvolge il pubblico ed interagisce con i fan delle prime file, ai quali ha distribuito un paio di bicchieri di birra prima di proseguire l’esibizione con Noccioline, canzone tratta dall’album Polaroid. Il pezzo è stato proposto in una versione più breve in cui è stata saltata per intero la parte cantata da Carl Brave, risultando una versione meno trap e più melodica della canzone, molto apprezzata dal pubblico.
Tolti gli occhiali da sole e la giacchetta, Franco 126 prosegue con Nuvole di drago, Solo guai e Sempre in due, in versioni live che si presentano sotto una veste più intima e suggestiva rispetto alla versione album.
L’artista continua ad interagire con il pubblico sollecitandolo a cantare il ritornello di Senza di me, pezzo ideato e prodotto con gli artisti ed amici Gemitaiz e Venerus, in una versione molto emozionante del brano in cui l’artista canta la parte rap tutta d’un fiato, stavolta senza dimenticare nemmeno una parola.
Segue la bellissima Parole crociate e, prima di iniziare, il cantante chiede al pubblico di accendere le luci dei cellulari, suscitando un momento di forte intensità creata da centinaia di telefonini accesi nel buio del Golfo di Patti. L’esibizione prosegue con Oi Oi, che il pubblico canta e balla a piedi nudi sulla spiaggia di Patti Marina.
A seguire Franco 126 infiamma il pubblico dell’Indiegeno Fest cantando le note di Stanza singola, canzone ideata con l’amico Tommaso Paradiso che dà il titolo all’omonimo album. E tutta la spiaggia di Patti Marina si emoziona cantando il famoso ritornello “E quando metto il caffè sopra il fuoco faccio ancora la moka per due”.
Il concerto termina sulle note di Frigobar, il singolo d’esordio che ha portato il cantante al successo del grande pubblico, consacrando Franco 126 come uno dei cantautori pop più prolifici della scena musicale italiana del momento.

Mariafrancesca Calabrini

Autore dell'articolo: francesca calabrini

francesca calabrini
Ragazza con un debole per le cause perse e una passione per la musica.