No Review – “Canzoniere” del Canzoniere Grecanico Salentino è la pizzica che si apre al mondo

Il Canzoniere Grecanico Salentino, gruppo di musica popolare salentina fondato nel lontano 1975, torna con un nuovo album, pubblicato il 27 ottobre su etichetta “Ponderosa”, dal titolo rappresentativo “Canzoniere”.

L’album, che viene definito un “raccolto” di canzoni, è un viaggio intorno al mondo con sonorità che spaziano tra moderno e tradizione. Ci sono i tamburi, c’è la pizzica, la taranta, ma anche tanti strumenti elettronici, che si fondono con il sound tipico del CGS in maniera impeccabile, segno di un lavoro attento e meticoloso, mai ridondante. Non c’è niente di stucchevole, insomma. È come se Lecce incontrasse New York, ci dicono, come se ci trascinassero in uno di quei lunghi viaggi che hanno portato la formazione a divenire una delle maggiori esponenti italiane della world music.

Per meglio comprendere la portata dell’album, vi anticipo che per “Canzoniere” sono stati scomodati grandissimi nomi del panorama mondiale quali Joe Mardin, figlio del celebre Arif, produttore dell’Atlantic Records (ha lavorato con Norah Jones e Aretha Franklin, per capirci) che ha firmato la produzione del disco, e Joe LaPorta, vincitore di un Grammy per “Blackstar” di David Bowie, che è stato invece l’ingegnere del suono per il mastering. Già questi nomi, per chi ha avuto modo di vederli all’opera, sono indicativi di quanto sia ambizioso questo album, nel quale la formazione ha deciso di prendersi qualche azzardo.

“Quannu Te Visciu” apre il disco con un ritmo trascinante e un loop ossessivo; frutto di quell’incrocio tra vecchio e nuovo di cui vi parlavo, è un brano difficile da togliersi dalla testa e rappresenta la sintesi perfetta di tutto quello che possiamo trovare nell’album. Subito dopo il sound si rilassa, ci si avvicina alla natura fermandosi ad ascoltare il vento (“Ientu”).  “Lu giustacofane” parla della propria terra, di tutto il male che ha subito, della voglia di proteggerla dalla mano degli speculatori e dalle aggressioni esterne. “Con le mie mani” vede le percussioni al centro della scena. Il disco poi prende fiato e si perde nella dolcezza di “Tienime”, quasi una lettera d’amore affidata al vento, uno dei pezzi più coinvolgenti del disco. Si torna alla tradizione e ci si scatena in “Pizzica de sira”, dove la band si aggrappa alle proprie radici e alle sonorità tradizionali salentine. A questo punto i toni si scuriscono e ci addentriamo nell’antico rituale greco dell’altalena con “Aiora”, pezzo in cui vi è un bel crescendo di strumenti popolari che si incrociano alla perfezione con la chitarra elettrica di Justin Adams. “Subbra Sutta”, dove risplende la voce di Piers Faccini, il cui inglese si incrocia con il salentino, è un bellissimo momento di colore che ci porta verso il finale che si fa scuro con “La ballata degli specchi”, poi dolcissimo con “Sempre cu mie”, per esplodere infine nei colori di “Intra la danza”.

“Canzoniere” è l’ennesima prova di forza del Canzoniere Grecanico Salentino, uno dei nostri vanti musicali in tutto il mondo. Un bel viaggio della musica salentina in America, che la colora di bassi e influenze black, mantenendo però salde le proprie origini popolari. E’ colore e buio, tradizione e modernità, voglia di andarsene a scoprire il mondo tenendo stretta nel cuore la nostalgia per la propria terra.

Recensione a cura di Egle Taccia

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia

Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag, scrive per Qube Music e Lamusicarock e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d’Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!