Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Press

“CERTO CHE STO BENE”: L’ALBUM – BELLISSIMO – DI ALBERTO BIANCO PRESENTATO A MILANO

Palestra Visconti, Milano, martedì 14 novembre. Al circolo Arci di Via Bellezza, in una Milano sud fredda e buia, Alberto Bianco, in arte Bianco, presenta il suo sesto album: “Certo che sto bene”, 10 canzoni, tutte registrate a Formentera, nella casa di una vecchia fidanzata, e tutte registrate insieme a una serie di amici, alcuni dei quali sono accanto a lui, sul palco, in questo martedì di metà novembre. Tra gli altri, Dente, fotografo d’eccezione; in questa veste – e non solo – ha accompagnato Bianco nella realizzazione del disco. Le foto, distribuite sotto forma di cartoline ai presenti, sono le stesse del documentario che racconta i giorni spagnoli fatti di arte e di musica, diretto da Francesco Coppola e proiettato subito prima del talk che vede protagonista anche Federico Dragogna.

Lo stile di Bianco si è evoluto e nel corso di sei lavori artistici intensi e sinceri ha cambiato linguaggio e ha scelto di narrare storie diverse – o, forse, le storie sono sempre le stesse; è la prospettiva a modificarsi, man mano che la vita passa e se ne va. In “Certo che sto bene” c’è tutto quello che una frase di questo tipo, lasciata uscire dalla bocca con nonchalance e un senso strano di timidezza, nasconde: il dolore, i dubbi, il peso del tempo, la percezione che si ha di se stessi e che, alla fine, spaventa più di ogni altra cosa. È una maturità personale, prima che musicale, quella di Alberto, che si evince dai testi che non potrebbero mai essere casuali, insensati, fatti per gli altri. Come sostiene Margherita Vicario, intervistata nel documentario di Coppola e autrice, insieme all’artista, de “Il tempo del mare”, Bianco scrive la sua verità – e chi se ne frega del resto.

L’incontro breve che segue il documentario al circolo Arci Bellezza vede Bianco, Dente e Dragogna impegnati in una chiacchierata tra amici. Si discute con leggerezza della presenza dei genitori di Alberto durante la registrazione del disco e di quanto questo sia un disco “fatto all’antica” e pieno di imperfezioni tecniche, che, però, lo rendono migliore che se fosse stato realizzato dentro uno studio torinese o, magari, dall’intelligenza artificiale. Perché quello che fa di “Certo che sto bene” un’opera musicale che arriva dritta dove vuole arrivare è il fatto che sia stato fatto insieme. Chi ha contribuito alla sua buona riuscita, ha mangiato e dormito e bevuto e vissuto negli stessi spazi fino a quando è stato necessario, ridendo, dibattendo, confrontandosi e suonando tantissimo. Si tratta, in fin dei conti, di un lavoro collettivo, sebbene parli di Bianco probabilmente più di altre sue canzoni del passato.

La conclusione è che le macchine non sarebbero in grado di replicare una magia del genere, perché la musica è ben altro. La musica è tutto, “la musica” – dice Taketo Gohara, produttore dell’album – “ti fa restare innocente”.

 

 

Written By

Studentessa di Comunicazione per le Imprese e dottoressa in Economia dei Beni Culturali e Dello Spettacolo, ha 22 anni, ma al suo primo concerto era nel passeggino, mentre Ligabue urlava contro il cielo. "Il favoloso mondo di Amélie" è il suo film preferito, forse perché, come la protagonista, lascia la testa sulle nuvole, abbandonandosi a una realtà fatta di libri, musica, cinema, teatro e podcast.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

È sold out in 24 ore il live al Forum di Milano previsto per il 21 ottobre 2024 di Mahmood che raddoppia con una...

No Press

PEGGY GOU SALIRÀ SUL PALCO DELL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA  PER IL SUO PRIMO SHOW IN UN PALAZZETTO ITALIANO  Dopo il trionfale successo del singolo  “It...

No Review

La Settimana Santa della musica è appena partita e immancabili arrivano le pagelle dei brani in gara. Quando si parla di Sanremo si sa...

No Interview

Ha 23 anni, ma ha già conosciuto la parte peggiore del mondo: Marianna Mammone, in arte BigMama, è tra i 30 artisti protagonisti del...

Advertisement