Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Press

LA CULTURA COME RISORSA TERRITORIALE: A TRIESTE INAUGURA LA MOSTRA “DAVID LACHAPELLE – FULMINI”

Sono sempre di più le regioni che basano la loro crescita sulla promozione culturale del territorio. Tra queste, il Friuli-Venezia Giulia ha deciso di investire sul settore artistico attraverso l’organizzazione di una serie di eventi che hanno avuto inizio con The Great Communicator. Banksy, esposizione dedicata allo street artist per eccellenza. L’obiettivo è, dunque, accrescere l’attrattività del territorio attraverso una cultura che possa essere fruibile al grande pubblico, così da poter far conoscere il Friuli-Venezia Giulia e restituire un’immagine positiva di una regione che ancora crede nello straordinario potere dell’arte.

È sulla scia di questo approccio che dal 22 aprile fino al 15 agosto sarà possibile visitare la mostra David LaChapelle – Fulmini all’interno del Salone degli Incanti di Trieste.

L’evento è curato dallo stesso artista americano e dal suo studio di New York, riuscendo così a mettersi sullo stesso piano di altre location culturali che hanno ospitato il nuovo progetto artistico di LaChapelle, considerato un nome di particolare importanza nello scenario culturale contemporaneo per la fondamentale svolta che ha dato alla fotografia. I suoi lavori sono autentici, non presentano grandi modifiche successive se non quelle degli effetti visivi, ed in essi emerge l’influsso della cinematografia e del teatro, da cui LaChapelle ha mutuato una precisa volontà narrativa. In effetti, ogni serie presentata nel corso della mostra racconta una storia differente, tutte immediatamente comprensibili a chi le osserva. L’artista, infatti, ha sottolineato in conferenza stampa come voglia evitare in tutti i modi qualsiasi ambiguità, di cui l’attualità è già sommersa. Spiega, inoltre, come il fulmine, che dà il titolo all’esposizione, rappresenti l’ispirazione “che arriva inaspettata” e una fonte di illuminazione, che è il ruolo che la sua arte vuole avere nei confronti del pubblico. La spiritualità avanguardista di LaChapelle lo porta a realizzare delle opere che si distaccano dal materialismo moderno per andare a ricercare ciò che di sacro ci può essere al di là del consumismo, in una tendenza a una speranza e ad un ottimismo che non si lasciano scoraggiare dalle difficoltà dell’oggi.

La mostra, che raccoglie un totale di 92 opere, è organizzata in due parti, la prima delle quali è focalizzata su personaggi celebri appartenenti al mondo dello spettacolo e della politica, la seconda è incentrata su una dimensione maggiormente mistica. È un racconto, spesso allegorico, delle mille forme che l’umanità può assumere, costruito su un filo labile che lega passato, presente e futuro, mischiandoli e confondendoli, in cui natura e luce contribuiscono a creare un’atmosfera intensa e magica.

INFORMAZIONI SU ORARI, PREZZI E PRENOTAZIONI

 

Da lunedì a venerdì 10.00 – 20.00 (ultimo ingresso ore 19.00).

Sabato domenica e festivi infrasettimanali 10.00 – 21.00 (ultimo ingresso ore 20).

Martedì chiuso

Advertisement. Scroll to continue reading.

 

Prezzi dei biglietti e riduzioni

 

Biglietti individuali:

– Intero: € 17,00

– Ridotto: € 13,00 studenti universitari fino a 25 anni con tessera di riconoscimento; senior over 65;

giornalisti non accreditati con tessera OdG e bollino dell’anno in corso; forze dell’ordine; insegnanti; guide turistiche con patentino al seguito

– Ridotto speciale: € 7,00 ragazzi 6-18 anni

– Pacchetto family 1 o 2 adulti + bambini

Advertisement. Scroll to continue reading.

– Bambino da 6 a 18 anni: adulto € 13,00 + ragazzi € 7,00

– Bambino fino a 5 anni: adulto € 13,00 + bambini gratis

 

Gratuito

– Bambini fino ai 5 anni

– Persone con disabilità certificata a partire dal 50% o in possesso di Disability Card, un accompagnatore per disabile che presenti necessità

– Possessori di FVGcard

– Giornalisti accreditati (previa indicazione di testata e data della visita, la richiesta deve pervenire almeno 24 ore prima inviando una mail a press@promoturismo.fvg.it)

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

 

Written By

Studentessa di Comunicazione per le Imprese e dottoressa in Economia dei Beni Culturali e Dello Spettacolo, ha 22 anni, ma al suo primo concerto era nel passeggino, mentre Ligabue urlava contro il cielo. "Il favoloso mondo di Amélie" è il suo film preferito, forse perché, come la protagonista, lascia la testa sulle nuvole, abbandonandosi a una realtà fatta di libri, musica, cinema, teatro e podcast.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

È sold out in 24 ore il live al Forum di Milano previsto per il 21 ottobre 2024 di Mahmood che raddoppia con una...

No Press

PEGGY GOU SALIRÀ SUL PALCO DELL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA  PER IL SUO PRIMO SHOW IN UN PALAZZETTO ITALIANO  Dopo il trionfale successo del singolo  “It...

No Review

La Settimana Santa della musica è appena partita e immancabili arrivano le pagelle dei brani in gara. Quando si parla di Sanremo si sa...

No Interview

Ha 23 anni, ma ha già conosciuto la parte peggiore del mondo: Marianna Mammone, in arte BigMama, è tra i 30 artisti protagonisti del...

Advertisement