Momentum

“Momentum”, la forza della musica dei Calibro 35 [Recensione]

Si intitola “Momentum” l’ultima release dei Calibro 35, un album che possiamo iscrivere fra le novità più attese ed interessanti del 2020. Giunto a soli due anni dal precedente “Decade”, “Momentum” è un lavoro che costituisce un’evoluzione importante nella discografia della band, che ha indubbiamente fatto tesoro delle importanti esperienze maturate a livello individuale da ciascuno dei membri in questo periodo con C’mon Tigre, Fatoumata Diawara, gli  Africa Express di Damon Albarn, Mike Patton ed i tanti progetti solisti.

Il rinnovato sound sviluppato dal quintetto Rondanini-Martellotta-Gabrielli-Cavina-Colliva ha tratto evidente ispirazione dal lavoro svolto a livello individuale con I Hate My Village e The Winstons, due dei progetti italiani più apprezzati da NonSense nell’anno di grazia 2019: l’affinamento del ritmo e dei synth dà vita ad una psichedelia funzionale alla creazione tanto di un’atmosfera distopico/fantascientifica, quanto all’elaborazione di un sound morbido ed intrigante.

Una virata stilistica che porta la band a includere nell’album un paio di ottimi brani cantati da altrettanti rapper: “Stan Lee” con Illa J e “Black Moon” con MEI, due canzoni capaci di unire passato e presente, anni ’70 e anni 2020, incrociando psichedelia, funky e rap con una raffinatezza ed un’efficacia che ci ha fatto inevitabilmente pensare a Kendrick Lamar.

Menzioni speciali e collaborazioni a parte, “Momentum” è un album in cui i Calibro 35 rivelano ancora una volta il proprio genio, riuscendo ad evolversi senza snaturare quello stile che rappresenta il loro inconfondibile marchio di fabbrica. L’onirismo dal vago sapore orientale dell’opener “Glory – Fake – Nation”, gli arpeggi dal sapore gotico di “Death of Storytelling”, il sound deliziosamente analogico di “Automata” e le venature prog di “One Nation Under a Format”: ogni brano presenta peculiarità e sfumature caratteristiche che ci mostrano come la band milanese si dimostri capace di spaziare fra i generi più diversi, mantenendo la propria identità e il filo conduttore dell’album.

Concept intrigante in cui le classiche sonorità dal sapore seventies della band si mostrano assai funzionali nel descrivere distopie del passato divenute purtroppo realtà, “Momentum” rappresenta l’ennesimo, importante capitolo della discografia dei Calibro 35. Perfetto punto di equilibrio fra diversi temi e stili musicali, “Momentum” si rivela un episodio importante nella storia della band per il modo in cui l’istanza “cult” e la maestria del quintetto si fonde ad un approccio quasi pop: calcando le orme stilistiche di artisti della scena black come Kamasi Washington, Thundercat, Flying Lotus, i nostri trovano il perfetto equilibrio fra gusto retrò, sonorità sofisticate ed un approccio “easy” che garantirà loro ancora una volta ottimi riscontri nella scena italiana ed internazionale.

Tracklist:

  1.  Glory – Fake – Nation
  2. Stan Lee (ft. Illa J)
  3. Death of Storytelling
  4. Automata
  5. Tom Down
  6. Thunderstorms and Data
  7. Black Moon (ft. Mei)
  8. Fail It till You make It
  9. 4X4
  10. One Nation under a Format

Autore dell'articolo: Fabio Rezzola

Avatar