No Awards – Tutti i migliori del 2018

Ci ritroviamo, come ogni anno, a fare i bilanci di quello che è stato questo 2018 che sta per concludersi e ad assegnare premi. Abbiamo ripercorso un anno di libri, dischi, singoli, video, concerti e festival e abbiamo selezionato quelli che per la redazione di Nonsense Mag sono stati i migliori.

Siete curiosi di scoprire chi sono gli artisti che si sono aggiudicati i No Awards 2018?

 

No Book

Una conversazione intima tra un padre e un figlio mai avuto. Una riflessione profonda sul significato della paternità. Un’occasione per ripercorrere una vita intera. Un romanzo commovente, coraggioso e poetico. “Il Giro dell’Oca” di Erri De Luca è il nostro No Book del 2018.

  1. Erri De Luca – Il Giro dell’oca
  2. Paolo Giordano – Divorare il cielo
  3. Corrado Fortuna – L’amore capovolto
  4. Valentina Farinaccio – Le poche cose certe
  5. Andrea Camilleri – Ora dimmi di te
  6. Levante – Questa è l’ultima volta che ti dimentico
  7. Lo Stato Sociale – Andrea
  8. Yoko Ono – Imagine
  9. Zero Calcare – Macerie Prime ( 6 mesi dopo)
  10. Boris Battaglia – Gainsbourg. Niente è già tanto.

No Album (internazionale)

 Da Baltimora tornano i Beach House, ribadendo il proprio ruolo di maestri assoluti nella scena dream pop/shoegaze contemporanea con il misticheggiante “7”. È il nostro album internazionale del 2018.

  1. Beach House – 7
  2. Low – Double Negative
  3. A Place to Bury Strangers – Pinned
  4. Imagine Dragons – Origins
  5. Mark Lanegan & Duke Garwood – With Animals
  6. Fantastic Negrito – Please Don’t Be Dead
  7. The Soft Moon – Criminal
  8. Florence + The Machine – High As Hope
  9. Richard Ashcroft – Natural Rebel
  10. God Is An Astronaut – Epitaph

No Album (Italiano)

Ci ha fatti cantare e ballare con un viaggio nella notte al ritmo dei battiti del suo cuore.  “Cosmotronic” di Cosmo è il miglior album del 2018.

 

  1. Cosmo – Cosmotronic
  2. Riccardo Sinigallia – Ciao Cuore
  3. The Zen Circus – Il Fuoco in una Stanza
  4. Maria Antonietta – Deluderti
  5. Max Gazzè – Alchemaya
  6. A Toys Orchestra – Lub Dub
  7. Wrongonyou – Rebirth
  8. Baustelle – L’amore e la violenza vol.2
  9. Calcutta – Evergreen
  10. Salmo – Playlist

No Single (Internazionale)

Con un video provocatorio diretto dal regista Hiro Murai, l’attore e cantante Donald Glover a.k.a. Childish Gambino canta con cruda ironia l’America ingorda, ipocrita e razzista attraverso un hip hop cupo e schizofrenico. È il nostro No Single Internazionale del 2018.

 

 

  1. Childish Gambino – This is America
  2. Richard Aschroft – Surprised By The Joy
  3. Jack White – Connected By Love
  4. Kurt Vile – Loading Zones
  5. Shame – One Rizla
  6. Paul McCartney – Come On To Me
  7. Iggy Pop & Underworld – Get Your Shirt
  8. Paul Weller – Movin’ On
  9. The Kills – List of Demands
  10. David Byrne – Everybody’s Coming To My House

No Single (Italiano)

Con la frase “se la pioggia fosse transitiva io ti temporalo” hanno stravolto tutte le regole della lingua italiana. Loro sono i Coma_Cose e “Post Concerto” è il nostro singolo preferito del 2018.

 

 

  1. Coma Cose – Post Concerto
  2. Riccardo Sinigallia – Ciao Cuore
  3. Cosmo – Quando ho incontrato te
  4. Management – Kate Moss
  5. Thegiornalisti – Felicità Puttana
  6. Immanuel Casto – Piromane
  7. Cesare Cremonini – Nessuno Vuole Essere Robin
  8. La Rappresentante di Lista – Questo Corpo
  9. Daniele Celona – HD Blue
  10. Maria Antonietta – Deluderti

No New
 

Zuin è un talento che abbiamo scoperto per caso e da cui siamo rimasti conquistati. “Per tutti questi anni” è il disco da scoprire del 2018.

 

 

  1. Zuin – Per tutti questi anni
  2. Francesco Camin – Palindromi
  3. I Segreti – Qualunque cosa sia
  4. Marlon – Music From The Rearview
  5. Cimini – Ancora Meglio
  6. Postino – Latte di soia
  7. Limbrunire – La Spensieratezza
  8. Diva – Divadelica
  9. Alfonso – 1 Kg di problemi e due etti di insalata
  10. Makai – The Comfort Zone

Special Awards

No Video

Maometto a Milano – Colapesce

In 3 minuti e 14 secondi i Ground’s Oranges sono riusciti a raccontarci la diversità ai tempi dell’Isis. Non abbiamo avuto alcun dubbio su quale fosse il miglior video dell’anno: Maometto a Milano di Colapesce è un film dentro una canzone.

No Tour

CremoniniLive2018

“Possibili Scenari” l’ha portato a San Siro tenendolo per mano, dopo una carriera costruita anno dopo anno. Una band eccezionale, arrangiamenti e scenografia mozzafiato, capacità di tenere il palco degna dei più grandi. Cesare Cremonini ha portato in tour lo spettacolo migliore del 2018.

No Festival

MiAmi Festival 2018

Il 2018 è stato l’anno dell’indie. Lo abbiamo celebrato nel festival che nel tempo ne ha lanciato i più grandi talenti. Con un inaspettato sold out e un’offerta musicale diversificata, con la commovente reunion di una band storica come i Prozac+ e l’arrivo a sorpresa di Calcutta, non abbiamo avuto alcun dubbio su quale fosse il miglior festival del 2018: il MI AMI Festival vince tutto. Abbiamo già i biglietti per la prossima edizione e voi?

Autore dell'articolo: Egle Taccia

Egle Taccia
Egle è avvocato e appassionata di musica. Dirige Nonsense Mag e Qube Music e ha sempre un sacco di idee strambe, che a volte sembrano funzionare. Potreste incontrarla sotto i palchi dei più importanti concerti e festival d'Italia, ma anche in qualche aula di tribunale!