Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Press

“ZERO A ZERO”: PALLA AL CENTRO [No Press]

Renato Zero presenta il suo nuovo tour nei palazzetti e si racconta.

“Non voglio essere un cantante. Io sono un interprete della vita, dei sentimenti, dell’amicizia, dei disagi”. Si definisce così Renato Zero, ancora in campo con nuove consapevolezze, senso di responsabilità verso il pubblico e la libertà di chi ha già percorso tanti chilometri. Tira le somme e fa i bilanci di oltre 55 anni di carriera, nel tour “Zero a Zero”, che partirà il 7 marzo da Firenze e proseguirà in altri 22 appuntamenti in 10 città italiane, fermandosi (geograficamente) ad Eboli. Davanti all’esclusione del sud, Renato Zero si ripromette di dedicargli, in futuro, un “omaggio speciale”, passando anche per le piazze, data la carenza di strutture per il mondo dello spettacolo, prima di un silenzio che potrebbe durare fino a tre anni.

Il palcoscenico è una misura indispensabile per Zero, che porterà in scena nuove canzoni e vecchi successi, accompagnati dalle registrazioni dell’Orchestra di Franciacorta, a cui l’artista ha dato un costante sostegno. Centrale è il dualismo fra Renato e Zero- il suo alter ego (“Zero si lamenta di certe cose, ma la verità è che l’ho sempre scritturato e portato con me”), in una sorta di autoanalisi, che consiste nel “fermarsi dal frastuono e dalle distrazioni per parlare con l’essere denutrito e annoiato che vive dentro di noi”. Questo approccio si lega bene al suo ultimo lavoro, “Atto di fede”, un libro con doppio cd pubblicato nel 2022 in cui 19 brani inediti si intervallano a riflessioni di figure come Aldo Cazzullo, Lella Costa, Marco Travaglio. Zero commenta che l’unico ad essersi astenuto dalla collaborazione ad “Atto di Fede” è Alessandro Cattelan, che, sarcasticamente, ipotizza sia una “coscienza tanto elevata” che la sua “sparisce al confronto”.

La sua missione è il cielo, non “Il Triangolo”. Risponde così a chi tenta il paragone con Rosa Chemical, riguardo al quale sostiene ci sia una disattenzione del suo team (e del team di altri artisti a lui simili) che non offre il necessario supporto nella ricerca della giusta strada da percorrere e della propria identità. E aggiunge ancora, relativamente alla polemica sulla messa in onda sabato 11 febbraio della puntata di “C’è posta per te” in cui era ospite, nonostante l’invito- poi rifiutato- al Festival di Sanremo, che ha preferito accogliere la proposta di De Filippi perché amichevole e non impegnativa, ma ha trovato inadeguata la scelta di Mediaset perché non gli è stata data la possibilità di scegliere.

Renato Zero guarda con ottimismo al futuro che lo aspetta dopo l’evento sold out al Circo Massimo. Ha voglia di cantare e di ritrovare la dimensione del camerino, nella conquista musicale della penisola. Guardandosi dentro, per non dimenticare che dietro alla maschera di Zero c’è l’uomo: Renato.

A cura di Chiara Trio.

ZERO A ZERO – UNA SFIDA IN MUSICA

IL CALENDARIO

7 marzo 2023 – Firenze @ Mandela Forum

Advertisement. Scroll to continue reading.

8 marzo 2023 – Firenze @ Mandela Forum

10 marzo 2023 – Firenze @ Mandela Forum

11 marzo 2023 – Firenze @ Mandela Forum

14 marzo 2023 – Conegliano @ Zoppas Arena

17 marzo 2023 – Torino @ Pala Alpitour

18 marzo 2023 – Torino @ Pala Alpitour

21 marzo 2023 – Mantova @ Grana Padano Arena

22 marzo 2023 – Mantova @ Grana Padano Arena

25 marzo 2023 – Bologna @ Unipol Arena

Advertisement. Scroll to continue reading.

26 marzo 2023 – Bologna @ Unipol Arena

7 aprile 2023 – Pesaro @ Vitrifrigo Arena

11 aprile 2023 – Milano @ Mediolanum Forum

12 aprile 2023 – Milano @ Mediolanum Forum

15 aprile 2023 – Milano @ Mediolanum Forum

18 aprile 2023 – Livorno @ Modigliani Forum

19 aprile 2023 – Livorno @ Modigliani Forum

22 aprile 2023 – Eboli @ Palasele

23 aprile 2023 – Eboli @ Palasele

Advertisement. Scroll to continue reading.

28 aprile 2023 – Roma @ Palazzo dello Sport

29 aprile 2023 – Roma @ Palazzo dello Sport

30 aprile 2023 – Roma @ Palazzo dello Sport

3 maggio 2023 – Roma @ Palazzo dello Sport

 

 

Written By

Studentessa di Comunicazione per le Imprese e dottoressa in Economia dei Beni Culturali e Dello Spettacolo, ha 22 anni, ma al suo primo concerto era nel passeggino, mentre Ligabue urlava contro il cielo. "Il favoloso mondo di Amélie" è il suo film preferito, forse perché, come la protagonista, lascia la testa sulle nuvole, abbandonandosi a una realtà fatta di libri, musica, cinema, teatro e podcast.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

È sold out in 24 ore il live al Forum di Milano previsto per il 21 ottobre 2024 di Mahmood che raddoppia con una...

No Press

PEGGY GOU SALIRÀ SUL PALCO DELL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA  PER IL SUO PRIMO SHOW IN UN PALAZZETTO ITALIANO  Dopo il trionfale successo del singolo  “It...

No Review

La Settimana Santa della musica è appena partita e immancabili arrivano le pagelle dei brani in gara. Quando si parla di Sanremo si sa...

No Interview

Ha 23 anni, ma ha già conosciuto la parte peggiore del mondo: Marianna Mammone, in arte BigMama, è tra i 30 artisti protagonisti del...

Advertisement