“Back in Love City” dei The Vaccines: a tutto pop [Recensione]

Per il loro quinto album, i The Vaccines hanno deciso di provare qualcosa di nuovo, senza guardare indietro, nonostante il titolo dell’album sia “Back in Love City”. “Sto venendo a patti con il fatto che potenzialmente è un concept album”, ha detto di recente il frontman Justin Young, rendendosi perfettamente conto di aver realizzato qualcosa che non fosse proprio nelle sue corde, ma che suona incredibilmente bene, portando l’ascoltatore in un mondo alternativo in cui immergersi, proprio la sua “Love City”.

La premessa è questa: Love City è un luogo immaginario, ispirato alle distopie cinematografiche di Blade Runner e Cowboy Bee-bop, di artisti del calibro di Las Vegas e dei love hotel di Tokyo. È un posto in un futuro lontano in cui l’amore e le altre emozioni si sono esaurite e l’unico modo per sentirle fluire di nuovo attraverso il tuo corpo è collegarle, come se fossero batterie che hanno bisogno di essere ricaricate. Back in Love City è stato coprodotto dal musicista elettronico britannico Fryars e dallo svengali pop svedese Daniel Ledinsky, i cui crediti includono Shakira, Carly Rae Jepsen e Zara Larsson. Entrambi gli uomini sono anche cantautori a noleggio e ottengono ampi crediti di co-sceneggiatura in Back in Love City.

Dal punto di vista sonoro e lirico, quel concetto si manifesta attraverso l’album in modi sia evidenti che sottili. Il singolo principale “Headphones Baby” suona come una crociera lungo una strada cittadina affiancata dalla vista abbagliante di centinaia di insegne al neon lampeggianti. “Voglio vivere dentro le tue cuffie, piccola / Voglio vivere in un mondo ovunque tu sia”, canta Young, accennando all’idea di poter saltare in un mondo virtuale di romanticismo. La title track è più oscura, Ennio Morricone di Freddie Cowan, chitarre spaghetti western che aggiungono uno strato sinistro. “Non possiamo comprare l’amore perché l’abbiamo speso tutto per te”, si lamenta Young. “Quindi stiamo risparmiando, ora siamo tornati a Love City.”

In altri punti, le cose prendono una svolta attraverso le chitarre country – come nella bellezza raccolta dalle dita di “El Paso” – o virano nell’altra direzione e diventa punk. Quest’ultimo è implementato in modo brillante in “XCT”, che si sviluppa da versi striscianti all’esplosione di un ritornello. “C’è una voce in giro che io sia vuoto, ma solo perché non mi sono adattato a XCT”, urla Young. “Mi odiano tutti H-A-T-E, perché vuoi andare a XCT?” Le dinamiche salgono e scendono per tutta la canzone, prima che esploda un’ultima volta in un muro di suoni, i tamburi tonanti di Yoann Intonti portano le cose a una chiusura sferragliante.

Se l’indie inno è una parte essenziale di ciò che i Vaccines sono sempre stati, allora lo è ugualmente una predilezione e una romanticizzazione dell’America. Negli ultimi 11 anni, la band ha tratto ispirazione dall’iconografia della cultura pop statunitense (ad esempio, il controllo del nome del singolo ‘Teenage Icon’ del 2012 dell’idolo dei teenager americano Frankie Avalon) e ha preso la semplicità di band come The Ramones o Jonathan Richman dei Modern Lovers e la sensibilità pop dei Beach Boys – e li hanno fatti propri. Non sorprende quindi che “Back In Love City” contenga una lettera d’amore all’America nella scintilla nostalgica di “Heart Land”.

Il filone finale degli elementi fondamentali di The Vaccines ruota attorno al lirismo di Young e alla sua capacità di scrivere in modi eternamente citabili che si sentono intrinsecamente collegati allo spirito del tempo e alla cultura del tempo. ‘Back In Love City’ non è diverso, poiché scrive battute come “Nomina un duo più iconico / Aspettato tutta la mia vita per te” sull’impetuoso ‘Bandit’. “Non posso fare la domanda se sei dal vivo su Reddit”, scherza su “Headphones Baby”, mentre la sua esistenza digitale viene temporaneamente interrotta dal valzer più vicino “Pink Water Pistols”: “Non posso chiamare un taxi e io non riesco a leggere la tua risposta / La Torre di Londra ha interrotto il mio Wi-Fi gratuito.”

Cinque album e 11 anni dopo, potresti aspettarti che una band simile a The Vaccines – una band nata negli ultimi anni del cosiddetto “landfill indie” – abbia superato il suo apice ora. “Back In Love City” confuta questa ipotesi in modo enfatico, presentando invece una band ancora al meglio e ancora ricca di idee, invenzioni e, soprattutto, un talento per scrivere grandi canzoni.

Autore dell'articolo: Gabriele Rapisarda

Classe 2001. Studente alla facoltà di Scienze Politiche a Roma Tre. Interessato ad attualità, amante di tecnologia e affascinato dal design. Ho sempre utilizzato il web per esprimermi come blogger e podcaster. Intraprendente, ambizioso e mai arrendevole.