Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Report

Cappadonia & Andy Bell Space Station @ Covo Club [Report]

Dopo festival e altri concerti in giro, è tempo di ritornare alla mia seconda casa, ossia il Covo Club di Bologna. Venerdì 8 luglio suonano due artisti che, lo si voglia o meno, sono collegati da un filo invisibile che ci riporta indietro direttamente negli anni ’90. Non vi svelo altro e inizio il live report parlandovi del progetto di Cappadonia. Autore delle musiche e chitarrista degli Stella Maris, collaboratore con Il Pan del Diavolo, Sick Tamburo e Gli Avvoltoi, Ugo C. ha anche un progetto da solista molto interessante e dallo stile classico e pulito che comprende ben tre album: “Orecchie da Elefante”, “Corpo Minore” e l’ultimo lavoro in studio “Canzoni per Adulti”. Cappadonia, nonostante un curriculum già parecchio ampio, ci mostra una sua venatura cantautorale ricca e suggestiva, in cui classico e moderno si uniscono. Soprattutto dopo due anni di pandemia, si ha questa grandissima voglia di dare sfogo ai propri pensieri e di esplodere, ma Cappadonia lo fa sempre in maniera molto delicata, arguta e senza mai andare fuori dalle righe. L’artista siciliano, bolognese di adozione, propone un Pop-Rock con venature molto romantiche e anche malinconiche: questo suo stile armonico negli arrangiamenti ricorda molto gli Stereophonics e porta con sè qualche sfumatura British molto elegante.

Andy Bell Space Station. Se dovessi mettermi a scrivere il Curriculum Vitae di Andy Bell finirei domani, quindi riassumo tutto con: Ride, Hurricane #1, Oasis, Beady Eye, DJ e pure collaboratore con The Brian Jonestown Massacre e Pink Floyd. Il mio attaccamento a questo polistrumentista nasce da “Nowhere” dei Ride, essendo una grandissima fan di Shoegaze e affini (non a caso mi capitò di vederlo in concerto proprio col suo amico Mark Gardener in occasione di un’edizione del Ypsigrock di Castelbuono). La shoegaze mi entra nel cuore ogni volta e questo progetto da solista non mi può di certo sfuggire, vuoi per quel “Space Station” che inevitabilmente mi ricorda gli Slowdive (“Souvlaki Space Station”), oppure le idee e le abilità poliedriche di quest’artista. In occasione di questo show, Andy Bell propone un genere completamente strumentale con lui alla chitarra e con basi pre registrate che fanno subito pensare alla voglia di vederlo con una band al completo: sarebbe davvero un live meraviglioso, vibrante e dalle mille sfaccettature, capace di far nuotare e ondeggiare tutto il suo pubblico conducendolo nei principali generi degli anni ’90. C’è ovviamente grande riferimento al BritPop e alla Shoegaze, ma anche al periodo Beatlesiano più psichedelico, alla Madchester (a tratti mi ricorda John Squire de The Stone Roses) e ovviamente a una parte più sperimentale: tutto il mondo di Andy Bell racchiuso praticamente in un Dj Set variopinto, ma con l’aggiunta di chitarre.

Written By

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Report

Dopo il successo delle prime due date all’Arena di Verona e delle date indoor, il tour di Luciano Ligabue prosegue fino a dicembre nei principali palasport. Abbiamo...

No Press

Lo scorso 20 ottobre è stato pubblicato “Pugno di Sabbia”, il nuovo singolo dei Subsonica – disponibile in radio e su tutte le piattaforme...

No Report

A restituirci un quadro completo della generazione Zeta e, in particolare, dei nati nel 2001, ci avevano già pensato gli Psicologi (Marco de Cesaris...

No Report

Dopo la consueta pausa estiva, vi raccontiamo la nostra estate iniziando con il primo dei tre concerti dei Negramaro a Siracusa del 19 luglio...

Advertisement