Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Review

No Review – [lessness] is more than grey

È un debutto su LP carico di importanti riferimenti “Never Was But Grey”, opera prima di [lessness], uno dei tanti volti artistici di Luigi Segnana, prolifico produttore e compositore già al lavoro con Death by Pleasure, Dance for Burgess, Cristalli Liquidi e La Casa del Mirto: dal titolo e dal monicker, estrapolati dal più cupo immaginario beckettiano, agli espliciti riferimenti ai Depeche Mode anni 2010, a nostro avviso non ancora apprezzati come meriterebbero, alle sonorità di James Blake e Jon Hopkins contenuti nella presentazione dell’album, tutti elementi che potrebbero sembrare un peccato di presunzione ma che dopo ripetuti ascolti ci impongono di dar ragione all’artista.

Registrato e mixato fra l’Italia e Portland, “Never Was But Grey” è un’opera che nasce da un ambito underground  amante degli altisonanti nomi citati,  che non si limita a studiarne la lezione ma a riproporne una versione amalgamata e filtrata, che include a nostro avviso anche qualche nuance sonora dei più recenti Radiohead e loop onirici à la Caribou, concretizzando tutti questi riferimenti in dieci brani pregni di uno stile affatto derivativo, che dimostra come la lezione sia stata assai bene appresa.

[lessness] è progetto che propone un lavoro variegato e coerente, nel quale ritroviamo un eccellente esempio di elettropop crepuscolare che trae il suo principale punto di forza dall’eccellente bilanciamento fra atmosfere d’autore e deliziosi e ballabili ritmi elettronici/EBM:  complice l’ottimo lavoro in fase di produzione, capace di dar vita ad un sound pulito, e la voce di Segnana capace di introdurre sensualità e pathos, sono tanti i punti di forza di “Never Was But Grey”, che presenta una manciata di brani particolarmente riusciti fra cui spiccano le suggestive “Wait” e “Seven Seals”, oltre alle danzerecce “Away”, “Deconstruction” e “Would you…?”, quest’ultima impreziosita da un paicevole ed elegante videoclip.

Un album che non mancherà di stupire gli amanti delle sonorità elettropop più raffinate, a nostro avviso dotato di tutte le potenzialità per suscitare interesse e riscontri anche al di fuori del suolo italico.

Tracklist:

  1. Wait
  2. Away
  3. Would you…?
  4. V.
  5. How Should We Love This Fever?
  6. Seven Seals
  7. 24/7
  8. Deconstruction
  9. 2.21
  10. Oh, Me
Written By

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

Domenica 18 settembre Sohn arriva sul palco del Locomotiv per presentare dal vivo, in full band, il suo nuovo album in studio “Trust”, uscito il 2 settembre via...

No Report

Mannarino è tornato finalmente a Catania, il 3 settembre scorso, portando in scena musica e poesia, con 9 straordinari musicisti e un palco iconico...

No Report

Un tempo, la festa dell’Unità di Modena era meta di molti amanti della musica indipendente e alternativa: nell’ultimo periodo, anche prima della pandemia, non...

No Report

Oltre 6000 persone presenti alla Villa Bellini di Catania per l’attesissima data etnea del Summer Tour 2022 di Frah Quintale, che porta in giro...