No Review – “Assume form”, James Blake riemerge dall’oscurità

Abbiamo atteso qualche settimana per recensire ed assimilare “Assume Form”, l’ultima fatica discografica di James Blake uscita a metà gennaio 2019 che ha sorpreso molti addetti ai lavori per le atmosfere assai diverse dal solito: emerge da subito un mood assai maggiormente improntato su un senso di serenità ed armonia, in un album che suona […]

No Review – “L’età del consenso”, quattordici anni insieme al Casto Divo Immanuel

Il 2018 ha rappresentato per Immanuel Casto il quattordicesimo anno di onorata carriera, ed essendo secondo la legge italiana i quattordici anni l’età del consenso per avere rapporti sessuali, quale miglior occasione poteva presentarsi ad un sagace provocatore come il “Casto Divo” per dare alle stampe una raccolta celebrativa? Un’opera di cui, a dire il […]

No Review – Atlantic Ballroom, l’electro swing di Waldeck

A undici anni dal successo di “Ballroom Stories”, il musicista e produttore austriaco Klaus Waldeck torna con un nuovo capitolo della sua epopea electro-swing, consegnandoci con “Atlantic Ballroom” una nuova opera che stuzzica l’ascoltatore con le sue atmosfere tanto fumose quanto raffinate. Parzialmente emulo di operazioni come “History repeating” dei Propellerheads o il tango elettronico […]

No Report – Charlotte Gainsbourg incanta il Fabrique

Dopo l’annullamento del Radar Festival della scorsa estate, era forte l’attesa per il ritorno in Italia di Charlotte Gainsbourg, ad ormai un anno di distanza dalla pubblicazione dell’ultimo album “Rest”, acclamatissimo tanto dal pubblico quanto dalla critica: nella sue veste di figlia d’arte, attrice, cantante/non/cantante, nella fredda e nebbiosa serata di giovedì 5 dicembre 2018, […]

No Review – “Singularity”: le meditazioni cosmiche di Jon Hopkins

Sembra una parola semplice “Singularity”, che potremmo ridurci a considerare nel semplice quanto nel contempo complesso significato di “peculiarità” od “unicità”; tuttavia, i ripetuti ascolti dell’omonimo album, che ha riportato sulle scene dopo ben cinque anni il genio di Jon Hopkins, destano non pochi sospetti sul fatto che,  dietro ad un’opera così raffinata e complessa […]

No Review – La maturità indietronica dei Lali Puna in “Two Windows”

La resurrezione degli alfieri tedeschi dell’indietronica Lali Puna, con l’LP Two Windows, uscito per la fidata Morr Music, è l’ultima sorpresa di un 2017 musicale sempre più nel segno dei comeback eccellenti. A sette anni dal precedente, e non brillantissimo, Our Inventions (senza considerare l’ep Silver Light del 2012, prevalentemente composto da remix di materiale precedente), e […]

No Report – The Chemical Brothers sul palco delle OGR di Torino

35.000 metri quadrati di cui 2.700 di area mostre. 100 milioni di euro investiti nella ristrutturazione per mano della Fondazione CRT. 1.000 giorni di cantiere. Le Officine Grandi Riparazioni hanno tutti i numeri per diventare una realtà importante non solo nel presente, e nel futuro, della città di Torino, ma anche e soprattutto a livello internazionale. […]

No Review – Il cantautorato di Jen Gloeckner tra passato e presente in “Vine”

Jen Gloeckner è in giro da almeno quattordici anni, considerato che il debutto della cantante del Wisconsin, intitolato “Miles Away”, risale al 2003 a cui ha fatto seguito sei anni anni più tardi “Mouth Of Mars”. Otto anni dopo la Gloeckner dà alle stampe undici nuove canzoni che, rispetto ai lavori precedenti, sono il risultato […]

No Review – 22, A Million di Bon Iver

  “Caro Justin, ci hai fatti tutti fessi. Hai vinto tu.” Nel mondo musicale, si possono formulare tanti postulati. Bisognerebbe aggiungerne uno nuovo che recita così: “Justin Vernon, in arte Bon Iver, è un grande artista che ha saputo stravolgere con impeccabile aplomb la sua carriera.” Perché in questo caso, cari lettori di Nonsense Mag, ci […]

Close