Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Review

No Review – “Mani come rami, ai piedi radici”, il nuovo album dei Modena City Ramblers

 

Tornano i Modena City Ramblers dopo quattro anni di assenza dal mercato discografico, fatta eccezione per la pubblicazione di Tracce Clandestine, uscito nel 2015 e composto interamente da cover (compare una sola traccia inedita, The trumpets of Jericho) . Il 10 Marzo scorso è uscito infatti Mani Come rami, ai piedi radici (MCRecords/Believe) diciottesima pubblicazione della band emiliana e quinto album con la formazione attuale, la più longeva in ventisei anni di carriera.

L’album, per farla breve, è un vero e proprio capolavoro.

Oggi, dare alle stampe un album con 13 tracce è un’impresa coraggiosa, una vera e propria scommessa col mercato. I fruitori di musica sono molto meno esigenti di un tempo, ma anche meno attenti e si annoiano facilmente. Il discorso però non vale certo per i Modena City Ramblers. Questo album ti rapisce e ti tiene incollato al divano, sedia, ovunque sia, e si fa ascoltare fino alla fine. Già la traccia Volare Controvento, il primo singolo estratto, lasciava presagire qualcosa.

Non è assolutamente un disco alla Modena City Ramblers degli ultimi anni. Non c’è, infatti, alcun riferimento a contesti, storie e avvenimenti legati all’attualità. Restano comunque quelle atmosfere care alla band, di parole e poesia (Angelo del mattino ne è un esempio), di sperimentazione, di ricercatezza di suoni, che lasciano trasparire quella grande voglia di suonare e comporre che ancora, dopo anni di carriera sulle spalle, è presente in ognuno dei componenti.

Si lasciano per un attimo le sonorità a cui ci avevano abituato, quelle tipiche irlandesi, fatte di danze, storie, suoni e strumenti tradizionali, a favore di suoni più vicini all’Est Europa, più balcanici, più appartenenti alla “world music” direi. Sono un esempio El senor T-rex, Welcome to Tirana (la mia preferita) e Ragas pin de stras, anche se il D’Aniello e il Moneti trovano sempre il modo di inserire un suono di richiamo irlandese. Anche il buon Davide “Dudu” Morandi ha dato il suo contributo al “richiamo”, e non nel modo in cui tutti ci aspettiamo.  È responsabile della grafica della copertina, omaggio a una tra le band più conosciute d’Irlanda, gli U2 e al loro capolavoro “The Joshua Tree” di cui ricorrono i venticinque anni dalla pubblicazione.

Esplorano nuovi mondi, nuovi linguaggi sonori, e la cosa gli riesce benissimo e a vedere la massiccia presenza di pubblico ai loro concerti è anche parecchio apprezzata.

Ghost Town, traccia che vede la collaborazione degli americani Calexico, impreziosisce questo lavoro.

Lunga vita, dunque, ai Modena e … buon ascolto.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Written By

Gjin Schirò è un giornalista pubblicista che opera soprattutto in ambito musicale. Inizia la sua attività come critico musicale per diversi magazine di settore, prediligendo i generi Rock, Folk e Cantautorale e le varie contaminazioni a questi collegati con cui si forma anche musicalmente. Nel 2012, dopo la Laurea in Discipline della Musica, si è iscritto all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti di Sicilia, dopo un'esperienza di tre anni maturata all'interno della redazione di Balarm.it e Balarm Magazine. Attualmente è impegnato in qualità di chitarrista negli nKantu d'Aziz, Combat Folk band della città di Palermo che ha all'attivo due dischi pubblicati e diversi singoli.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

È sold out in 24 ore il live al Forum di Milano previsto per il 21 ottobre 2024 di Mahmood che raddoppia con una...

No Press

PEGGY GOU SALIRÀ SUL PALCO DELL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA  PER IL SUO PRIMO SHOW IN UN PALAZZETTO ITALIANO  Dopo il trionfale successo del singolo  “It...

No Review

La Settimana Santa della musica è appena partita e immancabili arrivano le pagelle dei brani in gara. Quando si parla di Sanremo si sa...

No Interview

Ha 23 anni, ma ha già conosciuto la parte peggiore del mondo: Marianna Mammone, in arte BigMama, è tra i 30 artisti protagonisti del...

Advertisement