Connect with us

Hi, what are you looking for?

Luca Romagnoli del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag
Luca Romagnoli del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag
Luca Romagnoli – © Andrea Spinelli Art

No Art

No Art – Paint Report – Management Del Dolore Post-Operatorio live @Magnolia

Il Management del Dolore Post-Operatorio, che non è altro che la gioia di vivere male, ritorna sui palchi con un nuovo capolavoro artistico Un incubo stupendo. Mai banale, mai uguale a se stesso, il Management del Dolore Post-Operatorio ci stordisce gli animi sempre con lo stesso carisma elettrico ammaliante e con ballate tanto musicali quanto rivoluzionarie. Perchè i MaDeDoPo non hanno mai deluso in ogni singolo disco con innovazione e semplicità e ci catapultano in quei sogni di cui ci parlano, dove non esistono le leggi della fisica, dove tutto è permesso, così come si può ballare fuori tempo, quando ci si trova tra le prime file in una delle loro feste, in bocca al palco. E al Magnolia (Segrate) i Management hanno presentato il nuovo Un incubo stupendo, abbagliandoci e lasciandoci senza fiato.

Luca Romagnoli del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag

  Luca Romagnoli – © Andrea Spinelli Art

Un concerto che ha realmente spiegato un disco che a primo impatto può a tratti riportare alle sonorità dei dischi precedenti, a tratti lasciarci spaesati per le novità artistiche maturate negli anni di intensa attività live. Testi apparentemente più immediati, frasi semplici e divertite ma con sfumature ironiche, pungenti, un ritorno alle rime, che in I love you erano state messe da parte, una perfetta metrica delle parole sulla musica, chitarre dolci e sferraglianti, basso saturo da valvola, tamburi che “anche se sei morto, ti muovi”.

Marco Di Nardo del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag

Marco Di Nardo – © Andrea Spinelli Art

Il concerto al Magnolia si apre con Il mio corpo e Una canzone d’odio. La sensazione è quella di essere veramente a una festa, dove si parla con tutti, si balla con tutti, si beve con tutti. I brani sono estremamente ritmici e catartici, fin quando non arriva la sempre amata La pasticca blu e si inizia a saltare, saltare, saltare. Non c’è nemmeno il tempo di respirare, tra la gente sulla testa e il sudore in comunione, che Vieni all’inferno con me e la Scuola cimiteriale ci spezzano piacevolmente il fiato.

Valerio Pompei del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag

Valerio Pompei – © Andrea Spinelli Art

Amore Borghese ci riporta alla ruvidezza delle origini e Il tempo delle cose inutili nel recente universo. Le storie che finiscono male e Il vento sono la coppia perfetta per raccontarci la cruda realtà e nonostante tutto si canta l’amore per la vita e per il desiderio di qualcosa di speciale. E poi lo tsunami: Un incubo stupendo, Il mio giovane e libero amore, l’immensa Norman, Esagerare sempre.

Lorenzo Castagna del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag

Lorenzo Castagna – © Andrea Spinelli Art

Il Management del Dolore Post-Operatorio è l’esagerazione, il godimento, l’erotismo dei segreti e dell’incoerenza, e questo concerto è stato magnificamente esagerato, perché è meglio lasciarsi divertire ora che poi andrà a finire male, succede quasi sempre, Naufragando, qui ed ora sempre pronti alla fine del mondo. L’esagerazione nella passione, nel porno, nei bisogni dell’ammiccante Pornobisogno, lo stesso ardore maniacale citato pure nel singolo Auff!!. Ho sempre pensato a tutti i brani di Auff!! come pietre miliari, creature uniche per Romagnoli e Di Nardo, e invece sono sempre lì a stupirci, parlando di tutto e niente,  arrabbiati e col sorriso, meloci e dissonanti, grezzi e attraenti. E poi Oggi chi sono, i contanti e il piacere, in un brano che è un quadro, sensuale, melodicamente dissonante nella musica, trasgressivo e ammaliante nel testo. E infine il loro inno Lasciateci divertire, punk funk dritto preciso in faccia. I MaDeDoPo ci salutano così, dopo un concerto intensissimo, la folla si dilegua con birra e sudore tra i piedi. Lasciano le orecchie e gli animi soddisfatti, le gambe morte, e la maglie grondanti, una nuova opera indiscutibile e loro così sublimi, un po’ felici e un po’ tristi, un po’ tutto assieme.

“..e siamo fieri della nostra tristezza, perché se siamo tristi è perché vogliamo qualcosa di più della solita m…”(L.Romagnoli).

Antonio Atella del Management Del Dolore Post Operatorio ritratto dal vivo da Andrea Spinelli Art per Nonsense Mag

Antonio Atella – © Andrea Spinelli Art

Report a cura di Marco Apri
Ritratti realizzati dal vivo durante il concerto da Andrea Spinelli Art

Written By

Caporedattore Sezione ARTE per Nonsense Mag. Batterista e Live Painter: ritraggo dal vivo i musicisti mentre si esibiscono live. Alcuni tra gli artisti che ho ritratto: Antonella Ruggiero, Daniele Silvestri, Afterhours, Jack Jaselli, Verdena, Levante, Il Teatro Degli Orrori.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

23/ 24/ 25 giugno 2023 – Parco delle Caserme Rosse – Bologna OLTRE FESTIVAL   23/06 Carl Brave / Rosa Chemical / Rose Villain 24/06...

No Interview

Nel decimo anno dall’uscita del clamoroso debutto di “AUFF!!”, i MANAGEMENT tornano sulle scene annunciando il loro ingresso nel roster di Garrincha Dischi con un nuovo album: “Ansia Capitale”.  Un lavoro...

No Press

Dal 21 giugno in tutte le piattaforme digitali e in radio “Hai mai pensato che il cielo non si trova così in alto? È...

No Review

Come riuscire ad emergere nel sovraffollato mare dell’it-pop/rock/indie contemporaneo? La ricetta per il successo dipende fondamentalmente dalla combinazione di due elementi: in primo luogo...

Advertisement