Connect with us

Hi, what are you looking for?

No New

No New – Ascolta in ESCLUSIVA l’album d’esordio dei SUBTREES: “Polluted Roots”

Climbing up from oblivion…

Secondo Italo Svevo “la vita attuale è inquinata alle radici”. Ma che cosa nasce da queste radici inquinate? Il debutto dei SUBTREES, “Polluted Roots”, fa di questa premessa una sfida. Il disco è un concept che ruota intorno al tema della memoria e del trauma, scritto in risposta a situazioni turbolente.

… toxic waste radiating dread…

Sette istantanee sovraesposte compongono il continuum del disco, dalla nascita nebbiosa (Syngamy) fino alla coda di esplosione luminosa che lo chiude (Jungle/Overexposure). Sia nel suono che nelle intenzioni, le tracce che compongono Polluted Roots manifestano un’urgenza espressiva: l’attitudine no frills si traduce in una produzione grezza e più vicina possibile alla situazione live.

all over my head…

Le radici musicali del disco sono varie e si intrecciano fra di loro. Di certo, gli anni ’90 hanno lasciato il segno: all’interno troviamo dialoghi di chitarre dissonanti alla Unwound e Polvo (Reflections) e un’impostazione musicale e tematica vicina al grunge più oscuro e psichedelico degli Screaming Trees e dei Soundgarden (Everything’s Beautiful, Nothing Hurt). Nelle cavalcate elettriche di Conversation #2 e nello slowcore laconico di Motorbike, vero fulcro emotivo del disco, non manca una certa affinità con il Neil Young della ditch trilogy e dei suoi Crazy Horse. Ma i SUBTREES hanno assorbito anche la lezione del post-rock anni ’00, dal quale prendono le atmosfere dilatate (Syngamy), e dello sludge più ambient alla ISIS e Neurosis (Conversation #1).

…are these polluted roots we carry on our backs.

Ascolta in anteprima “Polluted Roots” dei Subtrees su Nonsense Mag

I SUBTREES nascono nel 2014 con l’intento di dare una voce alla loro necessità espressiva. Piuttosto che focalizzarsi su un genere in particolare, l’intento è quello di far emergere la loro soggettività attraverso la musica. Dopo aver testato il loro suono nei locali più influenti della scena bolognese e dopo l’ep autoprodotto “On A Broken Rope”, del 2015, i SUBTREES decidono di dar vita a “Polluted Roots”, disco di debutto della band e manifesto della loro sensibilità. “Polluted Roots” uscirà il 22 ottobre 2018.

CREDITS:

Polluted Roots è stato registrato aprile e luglio del 2017 presso il Vacuum Studio di Bruno Germano e il Waiting Room Audio di Enrico Baraldi, a Bologna.

Il disco è stato masterizzato da Claudio Adamo presso lo studio Fonoprint di Bologna.

L’artwork è stato ideato e realizzato da Valentina de Felice.

Tutte le musiche sono state scritte dai SUBTREES, testi a cura di Roberto Andrés Lantadilla.

I SUBTREES sono:

  • Roberto Andrés Lantadilla – voce, chitarra e testi
  • Nicola Venturo – basso e sintetizzatori
  • Riccardo Pantalone – chitarra e ostrich guitar
  • Alberto Lazzaroni – batteria

Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

YPSIGROCK FESTIVAL 2023 SLOWDIVE PANDA BEAR & SONIC BOOM STILL CORNERS EKKSTACY JUST MUSTARD PLASTIC MERMAIDS and more TBA In esclusiva sulla piattaforma DICE...

No Press

FABRIZIO MORO TORNA IN TOUR DA MARZO NEI PRINCIPALI TEATRI CON  LIVE 2023 – RACCONTI UNPLUGGED   Dopo il successo della tournée estiva nelle più...

No Press

MAX PEZZALI CONTINUA IL SUCCESSO INCREDIBILE DI MAX30  NEI PALASPORT #HITSONLY A POCHI GIORNI DALL’ANNUNCIO DELLA STRAORDINARIA DATA-EVENTO AL CIRCO MASSIMO DI ROMA IL 2...

No Press

BAUSTELLE live nel 2023 con 5+1 date nei principali club italiani Il gruppo che ha scritto le regole della musica alternativa in Italia è...