Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Review

No Review – UN INCUBO STUPENDO – MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO

Il Management Del Dolore Post-Operatorio con “Un Incubo Stupendo” è fabbro del suo stesso destino e artefice di un cambiamento tanto importante quanto interessante: tutto ciò potrebbe portare a pensare ad un disco di passaggio, di crescita, ma non basta questo a catalogare il nuovo album dei lancianesi, che va oltre il rock arrabbiato e che prende allo stomaco. Rispetto ai primi lavori del gruppo la profondità ora è di un livello completamente diverso, a metà tra un romanzo di Irvine Welsh e uno Virginia Woolf.

 

Un Incubo Stupendo è un viaggio in un sentiero che va, spasmodicamente, dall’interno all’esterno, uno scontro tra la società e l’individuo.

Come sempre c’è lo spettro dell’eccesso nei testi del gruppo che esprime un disagio, un amore per una poetica nichilista e piena di vita allo stesso tempo.

Alla fine i lancianesi esprimono un concetto molto chiaro: nonostante le persone siano sempre piene di odio, il grido del Management è chiaro e chiede, più o meno esplicitamente: “ Che cazzo ne facciamo di tutto questo odio?”

 

La capacità del gruppo è fatta anche del saper cogliere l’esperienza del passato e trasformarla in cambiamento, adattamento.

Gli abruzzesi sono la sintesi perfetta di un darwinismo riuscito, infatti gli impulsi più forti e originari del gruppo sono resistiti e allo stesso tempo cambiati, evoluti in un sound maturo e ben curato.

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Welsh in Trainspotting ha scritto: “Per definizione, uno deve vivere fino a quando muore. E allora meglio viversela e godersela come un’esperienza completa, la vita, anche perché poi magari la morte è una cagata, e ho il sospetto che lo sia”, una filosofia del genere è stata da sempre cardine del lavoro dei Management, che in questo disco però è riuscito ad andare oltre e lo si può vedere in pezzi come Naufragando, Un Incubo Stupendo o Il Vento.

In brani del genere si erge forte la spinta a scoprire una parte più profonda e matura che il gruppo in questo album è stato capace in un certo senso di scoprire.

Il dialogo ideale tra Welsh e la Woolf è presente ed è proprio rappresentato dalle tante sfumature, anche completamente opposte, presenti nel disco.

La parte più istintiva e rabbiosa viene spesso a contatto con una dimensione più intensa, anche in brani come Esagerare Sempre o Il Mio Corpo. E proprio in questa dimensione filosofica si conferma l’equilibrio perfetto di un incubo stupendo tra Welsh e la Woolf che in Le Onde ha scritto: “Non siamo semplici come ci vorrebbero i nostri amici per venire incontro alle loro necessità”.

Un incubo stupendo non è affatto un disco di passaggio, ma una conferma di una band tanto interessante quanto profonda.

 

 

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Press

PEGGY GOU SALIRÀ SUL PALCO DELL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA  PER IL SUO PRIMO SHOW IN UN PALAZZETTO ITALIANO  Dopo il trionfale successo del singolo  “It...

No Review

La Settimana Santa della musica è appena partita e immancabili arrivano le pagelle dei brani in gara. Quando si parla di Sanremo si sa...

No Interview

  E’ stato pubblicato lo scorso 3 novembre il nuovo singolo “Overtones” di THE FRENCH FRIES, un brano in crescendo, capace di farci oscillare...

No Press

promossa da Comune di Milano – Assessorato alla Cultura, ASSOCONCERTI, ASSOMUSICA, FIMI, NUOVO IMAIE e SIAE main sponsor UniCredit, UniCredit Allianz Vita e UniCredit Allianz Assicurazioni  ...

Advertisement