NoPress: gli EUGENIO IN VIA DI GIOIA presentano il nuovo disco NATURA VIVA

La band torinese incontra la stampa per raccontare la genesi del nuovo album e le molte sfaccettature artistiche che caratterizzano il nuovo lavoro.

Gli Eugenio in Via di Gioia hanno scelto l’Ostello Bello di Milano per presentare alla stampa il loro nuovo album “Natura Viva”, uscito il 1 marzo, il primo pubblicato con una major (Virgin/Universal) dopo l’esordio del 2014 con “Lorenzo Federici” e il successo di “Tutti su per terra” del 2017.

Nella saletta scelta per l’evento i quattro musicisti prendono posto dietro un tavolo su cui dispongono con cura della frutta, collegata a cavi che finiscono dentro un cesto. Il mistero è presto svelato: tramite una scheda audio e la piattaforma hardware Arduino (sviluppata ad Ivrea dal 2003 dall’Interaction Design Istitute) la frutta diventa il pulsante per far suonare suoni e frasi campionate da usare nei live. 

Questa svolta tecnologica non è però determinante nella produzione musicale della band perché il computer diventa semplicemente il mezzo per rendere più facile l’utilizzo di determinati suoni low-fi: “abbiamo campionato il suono di una tastiera giocattolo, ci piaceva ma non era possibile utilizzarla dal vivo perché priva di ingressi per collegarla a mixer o amplificatori, tutti gli altri sono suoni acustici o vocalizzi realizzati in cameretta, lavorati digitalmente e campionati per poterli utilizzare nel disco e nel live.”

“Natura Viva” non è distribuito solo nei digital store ma è anche disponibile in una speciale edizione su cd il cui booklet è un vero e proprio album da colorare realizzato dallo street artist torinese BR1. La band spiega: “non è stato facile contattarlo per realizzare le illustrazioni, perché in teoria quello che fa è illegale, ma abbiamo provato sui social e con nostra grande sorpresa ha risposto e accettato. Abbiamo in mente di distribuire ai concerti le stampe delle  grafiche del disco e dei pennarelli in modo che ognuno possa colorarle; alla fine della serata il lavoro artistico del pubblico finirà all’asta con l’intento di devolvere il tutto in beneficenza”.

I ragazzi di Torino si sono fatti le ossa per anni con il busking, portando la loro musica per strada nei luoghi e orari più impensabili e ricreando poi in sala prove ed infine in studio quell’attitudine live urbana che da sempre caratterizza le loro esibizioni. Per questo nuovo lavoro però qualcosa è cambiato e sia la composizione che la ricerca sonora sono più mature pur senza snaturare completamente la loro attitudine.

Il motivo è da ricercare nel differente approccio compositivo della band che dichiara: “dopo i nostri live per strada ci troviamo davanti a un computer invece che suonare per ore in sala prove, e lì cominciamo a lavorare alle canzoni. Abbiamo scoperto un metodo più creativo perché ci permette di non farci condizionare solo dagli strumenti che suoniamo e riusciamo ad arrivare in studio dal produttore con le canzoni in versione quasi definitiva. Anche i testi hanno uno spirito meno goliardico e più riflessivo, soprattutto perché prima eravamo abituati a suonare in contesti dove l’attenzione ce la dovevamo sudare, anche con trovate più teatrali, mentre adesso suoniamo in grandi locali e sappiamo che il pubblico è lì per ascoltare noi, non abbiamo più bisogno di richiamare l’attenzione. Però l’approccio nell’esecuzione live delle nostre canzoni non cambierà.”

Con questo nuovo lavoro gli Eugenio in Via di Gioia sono stati inseriti dagli addetti ai lavori nel grande fenomeno dell’Indie italiano, che monopolizza da qualche anno il mercato discografico e le playlist di Spotify. Per la band questo non era un obbiettivo dichiarato ma riflettendo sulla questione dicono: “l’indie è un fenomeno che ha creato questa bolla in cui siamo finiti anche noi, non lo abbiamo scelto ma siamo felici se attraverso questo fenomeno potremo farci ascoltare da molte più persone; quando questa moda passerà e la bolla scoppierà ci auguriamo di uscirne nel migliore dei modi rimanendo noi stessi.”

In occasione dell’uscita del disco è online il video del singolo “Camera mia”, ideato e realizzato dalla band con il regista Giorgio Blanco e gli animatori Maria Cesaro, Leonardo Ligustri e Margherita Clemente.

I prossimi appuntamenti con gli Eugenio in Via di Gioia saranno dal 4 al 7 marzo con le presentazioni instore mentre per la partenza del tour dovremmo aspettare il 29 marzo con la prima data all’Auditorium Flog di Firenze.

INSTORE

4 marzo Milano, Feltrinelli, Piazza Piemonte
5 marzo Bologna, Mondadori, Massimo d’Azeglio 34
6 marzo Roma, Discoteca Laziale, via Mamiani 62/a
7 marzo Firenze, Galleria del Disco, Piazza della Stazione

TOUR

29 marzo Auditorium Flog, Firenze
30 marzo Urban, Perugia
4 aprile Santeria Social Club, Milano
5 aprile Monk, Roma
6 e 7 aprile Locomotiv Club, Bologna
12 aprile Hall, Padova
24 aprile Latteria Molloy, Brescia
26 aprile Pin Up, Mosciano (TE)
27 aprile Casa delle Arti, Conversano (BA)
12 luglio Sonic Park-Indimenticabile Festival, Bologna

Autore dell'articolo: Alex Lauria

Avatar