Connect with us

Hi, what are you looking for?

No Review

No Review – “Promesse”, il primo album de Il Grande Capo

Nel luglio 2016 Il Grande Capo ha dato un assaggio del suo CD d’esordio con l’uscita del singolo Il mare è troppo grande. L’album, pubblicato da Betaproduzioni il 22 novembre, si chiama Promesse ed è scaricabile da diversi store di musica digitale.

15079083_709790052505171_7081190250517910367_n

Forse prima di parlare di questo CD dobbiamo introdurre la figura de Il Grande Capo.
Il Grande Capo nasce nel 2013 dall’unione delle anime di quattro ragazzi: Elio D’Alessandro (voce e chitarra), Ilaria Tortoriello (basso e voce), Giacomo Forte (tastiere) e Stefano Mancini (batteria).
Questo progetto musicale è un uragano di tendenze cantautorali e rock anni ’70 e dance/pop anni ’90, come si mostra in questo CD. Quest’album è un figlio cercato, voluto e amato.
C’è da dirlo; non ci sono assoli né particolari virtuosismi, ma Il Grande Capo dimostra che non è necessaria la loro presenza per creare un CD che lasci il segno. I riff e le distorsioni si susseguono durante i diversi pezzi, sfiorandosi e mai invadendo l’uno il campo dell’altro e lasciando spazio a ciò che più sembra avere un ruolo fondamentale: la parola.

Non è principalmente la musica a trasudare amori ideali, indipendenze vergini e gioventù parzialmente perdute, ma sono i testi. E che le parole siano importanti lo si capisce già dal titolo dell’album: Promesse, una parola che ha in sé dell’impegno, custodisce una fiducia. Una fiducia che apre a mille sensi e una direzione sola: il senso della chiarezza che trasuda da Sottovoce, il senso della bellezza di un mondo irradiato di luce in Rayban, il senso del profondo amore in Il mare è troppo grande. Tutti sensi, tutte promesse che convergono in un centro; l’amore. Ma non quell’amore ormai ridotto alla banalità, abusato e usurpato dai troppi che pensano sia semplice parlarne; il Grande Capo, invece, invita a riscoprire la natura più primigenica dell’amore, ad innamorarci dell’amore stesso ricercandone e riconoscendone ogni sfumatura possibile. E alla fine ci si innamora anche dell’album, inevitabilmente.

Qui la pagina fb: https://www.facebook.com/IGCmusicgroup/

Written By

Datemi vagonate di cibo e rotolerò nel mondo (semi-cit). Oltre che per il cibo, provo un profondo amore per la filosofia e per qualsiasi forma d'arte. E per il trash, manifestazione incompresa dei lati più oscuri dell'anima.

Seguici su Facebook

Leggi anche:

No Review

“Camouflage” è il primo disco dell’artista romana Ditonellapiaga, classe ’97, sintesi perfetta di una personalità poliedrica, disponibile dal 14 Gennaio scorso su tutte le...

No Review

Vogliamo farvi intraprendere un viaggio nella “Materia (Terra)”, il nuovo album di Marco Mengoni, disponibile dal 3 Dicembre scorso sulle piattaforme digitali e nei...

No Movie

Emmy Awards 2020 Da Zendaya a Mark Ruffalo, un susseguirsi di emozioni Che quelli di quest’anno siano stati degli Emmy un po’ particolari non...

No Review

Quanti dischi avrebbero il coraggio di iniziare da uno dei pezzi più intimi, voce e chitarra? Soprattutto in quest’epoca in cui si cerca di...